Viaggi e stili di vita

Slow Life, a Budapest una mostra collettiva di portata internazionale

Slow Life, a Budapest una mostra collettiva di portata internazionale

Le pratiche quotidiane di Slow Life cambiano radicalmente, è una mostra collettiva di portata internazionale, un impegno che riflette sulle pressanti questioni globali di oggi.

L’attuale logica del nostro mondo, l’attuale sistema sociale ed economico e la cultura del mercato e dei consumatori hanno causato seri problemi ambientali.

L’approccio su cui si basa lo Slow Life è in crisi e le pratiche attuali non possono fornire soluzioni reali all’eccessiva produzione di rifiuti e al consumo eccessivo e mantenere sotto controllo lo sfruttamento delle risorse naturali.

L’approccio lento rappresenta la necessità di ripensare le strutture esistenti e riorganizzare le pratiche consolidate nei settori della società, dell’economia e della vita quotidiana.

La sua essenza dello Slow Life può essere espressa al meglio dalla coscienza e dall’attitudine critica, che producono alternative sempre più possibili, dall’agricoltura della permacultura alla famiglia a zero rifiuti, dalla semplicità volontaria al concetto di economia senza crescita.

Gli inizi della Rivoluzione lenta risalgono agli anni ’80, alla protesta contro i fast-food, che attirò l’attenzione sull’importanza di cibi sani e di qualità provenienti da fonti locali.

L’iniziativa gastronomica di Carlo Petrini si è trasformata in un movimento globale nel corso dei decenni, che abbraccia molte aree dal lavoro ai viaggi e dalla progettazione al consumo dei media.

Tuttavia, la mostra non si concentra sui movimenti “slow living” così popolari oggi, alcuni dei quali limitano le loro attività all’offerta di nuovi prodotti e servizi in vendita.

Piuttosto, presenta pratiche alternative, “rivoluzioni” quotidiane, approcci delicati o persino radicali che sfidano l’attuale sistema orientato alla crescita e al profitto, mostrano una via d’uscita dalla spirale dei consumi o rappresentano un atteggiamento basato sullo slancio anziché su un impegnato stile di vita.

L’obiettivo della mostra è quello di evidenziare gli impatti ambientali e le pratiche di sfruttamento che hanno portato agli attuali problemi ambientali, economici e sociali globali.

LEGGI ANCHE: Fase 2, il Coro Lirico Siciliano virtuale canta ‘O sole mio

Il nostro altro obiettivo principale è fornire una piattaforma più ampia per le posizioni artistiche, che enfatizzano la sostenibilità e offrono stili di vita alternativi.

Nel corso di questa mostra di cinque mesi, molti eventi, seminari e discussioni avranno luogo all’interno del museo e anche fuori città.

Una volta al mese, terremo una giornata a tema interdisciplinare per concentrarci sulle questioni più cruciali (alimentazione, industria della moda e dell’abbigliamento, famiglie a zero rifiuti), con la partecipazione di esperti nel settore o sotto forma di seminari pratici di condivisione delle conoscenze .

Leggi anche

San Valentino 2019 nel primo Love Restaurant d’Italia

Fabio Iacolare

Dal 1° luglio si potrà volare a Malta da qualsiasi regione senza quarantena

Fabio Iacolare

Vietri sul Mare, il Conservatorio Martucci celebrala Festa della Musica

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.