Nautica Sport

Giovanni Soldini secondo alla Transpac: la Line Honours va a Orion

transpac soldini

Giovanni Soldini e l’equipaggio di Maserati Multi70 hanno tagliato per secondi il traguardo della 52ma Transpacific Yacht Race, nota anche come Transpac.

Il velista italiano ha concluso alle 8:58 locali di giovedì 6 luglio, dietro al MOD70 Orion di Justin Shaffer, che ha fatto sua la Live Honours con un tempo di 4 giorni 17 ore e 48 minuti e un margine di vantaggio di 6 ore. Grande rammarico invece per Argo, il terzo concorrente nella classe dei MOD70, con skipper Jason Carroll e navigatore Brian Thompson, che si è invece ritirato a poche ore dal via per un’avaria al motore che ha costretto il team a rientrare a Los Angeles.

Transpac 2023, regata difficile per Soldini

La regata è stata particolarmente impegnativa per Maserati Multi70 che non ha potuto contare sulle vele da competizione e sulle appendici volanti. Un problema doganale aveva infatti ritardato l’arrivo del container di appoggio su cui viaggiava l’equipaggiamento sportivo, costringendo il trimarano a fare a meno dell’assetto volante.




“È stata una regata difficile per noi”, ha detto Giovanni Soldini all’arrivo: “Siamo partiti con un po’ di handicap soprattutto sulle vele, perché avevamo delle vele del 2019 che hanno fatto mille avventure e le vele da regata sono rimaste nel container insieme ai foil. Un peccato perché a parte la prima fase di regata in cui c’è stato poco vento, poi erano veramente condizioni da volo stabile super”.

Dopo una partenza con vento debole, i trimarani hanno dovuto attraversare una vasta zona di vento estremamente variabile. Orion ha agganciato per primo l’Aliseo e ha incontrato le condizioni favorevoli ad aumentare il distacco: “Ci siamo scontrati principalmente con Orion che si è rivelata una barca molto veloce e a punto. Nella fase iniziale della regata siamo stati più in difficoltà per questione di pura velocità che ha consentito agli avversari di conquistare un margine di vantaggio che si è amplificato molto entrando nell’Aliseo. Su queste barche 1 o 2 nodi fanno un’enorme differenza in termini di performance e quindi da 12 miglia il distacco è diventato subito di 30. Poi è successa una cosa molto strana: tutta la flotta navigava con rotta 270 con vento da 60 gradi circa e Orion, forse lungo una scia di temporali, per un giorno ha navigato con rotta 250 con vento da 20 – 30 gradi e medie di velocità di 28/29 nodi in un vento diverso e tutto suo. Questo ha fatto la differenza e ci ha lasciato all’inseguimento. Complimenti agli avversari che hanno fatto una regata splendida, sono sempre stati molto veloci e non hanno sbagliato mai niente e non c’è stata storia. E complimenti anche al mio super equipaggio. Speriamo vada meglio la prossima!”.




LEGGI ANCHE: Pescare Show, il salone della pesca e nautica da diporto torna a febbraio

Il team a bordo con Soldini, composto da Guido Broggi (ITA), Oliver Herrera Perez (ESP), Francesco Malingri (ITA), Francesco Pedol (ITA), Matteo Soldini (ITA) e Lucas Valenza-Troubat (FRA), era partito da Los Angeles sabato 1 luglio alle 11:55 ora locale (18:55 UTC; 20:55 ora italiana), e dopo aver percorso 2324 miglia nell’Oceano Pacifico, ha concluso la prova in 4 giorni, 23 ore, 55 secondi.

Maserati Multi70, l’unica barca italiana in gara, ha partecipato a questa competizione per la terza volta dopo le edizioni del 2017 e del 2019.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Boat Days, prima edizione con il patrocinio di Confindustria Nautica

Redazione

Consegnato all’armatore il nuovo Mazu 82 che raggiunge fino a 40 nodi

Fabio Iacolare

Al via Italian Port Days 2020, l’iniziativa che coinvolge la portualità italiana

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.