Diporto

Al via l’Ice RIB Challenge, il “Palermo-Eolie-Malta in gommone”

Lo potremmo definire come “practice one” del Ice RIB Challenge, il “Palermo-Eolie-Malta in gommone”, che prenderà il via oggi 24 aprile. Un test per controllare che tutto sia in ordine prima che il Comandante Sergio Davì, a bordo del suo Nautilus Explorer, gommone Nuova Jolly Prince 38cc di 11 metri spinto da una coppia di poderosi Suzuki DF350A, prenda il largo dalla sua Palermo alla volta di New York.

La Ice RIB Challange sarà una vera e propria sfida perché, prima di attraversare l’Atlantico, il Comandante si spingerà verso latitudini difficili, a Nord, toccando in sequenza le Isole Fær Øer, Islanda, Groenlandia e poi fino in Canada: quasi 7.000 miglia nautiche da percorrere in parte al freddo, addirittura fra i ghiacci.

Tutt’altre condizioni ambientali rispetto a quelle che il Nautilus Explorer, invece, troverà questa settimana, utili comunque per navigare e testare materiali, soluzioni, distribuzione dei pesi, assetto ecc., e anche per promuovere l’Ice RIB Challenge nelle varie tappe che lo porteranno a percorrere stavolta circa 450 miglia: 24 e 25 aprile a Lipari, Eolie; 27 e 28 aprile a La Valletta, Malta; 4 maggio a Marina di Riposto, Catania; 5 maggio Marina di Nettuno, Messina. Proprio in quest’ultima sosta ci sarà il team di Nautica Femminò, concessionario ufficiale Suzuki, ad accogliere il Comandante Davì e il suo RIB, per celebrare la fine del tour con i dovuti festeggiamenti.

Sarà però un test probante anche per i consumi, sicuramente bassi grazie alla tecnologia Suzuki presente nei DF350A – e in buona parte della gamma dei fuoribordo del costruttore giapponese – quella del sistema a combustione magra LEAN BURN che, specie quando si naviga a velocità di crociera costante, proprio come accade nei lunghi raid, riduce la percentuale di benzina utilizzata nella combustione, aumentando, invece, la quantità d’ossigeno e quindi d’aria.

Il grande Prince 38cc anche in Mediterraneo navigherà comunque carico di benzina e poi di attrezzature, cambusa e quant’altro, una condizione di dislocamento pesante dove i Suzuki DF350A potranno ancora una volta fare la differenza. Sono, infatti, gli unici motori fuoribordo, dotati di un sistema di propulsione con due eliche controrotanti DUAL PROP, una caratteristica tecnica che fa la differenza quando si tratta di spingere scafi di grandi dimensioni. La maggiore efficienza garantita dal Suzuki Dual Prop, che esalta la generosa coppia dell’unità termica V6 a 55° da 4.390 cc, sarà l’elemento decisivo per il rapido raggiungimento della planata e del migliore assetto di navigazione, che metterà, anch’esso, nella condizione di consumare di meno.

La ICE RIB CHALLENGE in numeri:

Si stimano:

•         un totale di 6.600 miglia nautiche,

•         un consumo totale medio di benzina di 19.000 litri,

•         75 giorni di navigazione (soste incluse),

•         500/600 ore di navigazione,

•         24/30 tappe

Leggi anche

CNB Yachts sceglie il cantiere di Monfalcone per le sue creazioni

Fabio Iacolare

Schenker Watermakers festeggia i suoi primi 20 anni di acqua dolce

Fabio Iacolare

Presentato nello Yacht Club di Monaco il Mangusta Oceano 50 di Overmarine

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.