Diporto Nautica

La nave cargo a vela che non inquina: ecco Oceanbird – VIDEO

nave a vela Oceanbird

Una nave a vela ecologica, per rivoluzionare il mondo della navigazione marittima condizionato dall’introduzione dei motori diesel. È l’obiettivo della cargo Oceanbird, la grande nave da carico alimentata dal vento di Wallenius Marine che mira a ridurre le emissioni inquinanti fino al 90%.

Sviluppato in collaborazione con il KTH Royal Institute of Technology e la società svedese di tecnologia marittima SSPA, la Oceanbird sarà pronta per gli ordini a partire da quest’anno e punta ad un rilancio delle commissioni nel 2024: la mission di Wallenius Marine è di rispondere in maniera concreta all’inquinamento prodotto in questi anni dai motori diesel, che hanno da un lato migliorato la nautica marittima grazie agli attraversamenti più veloci, e dall’altro peggiorato l’ambiente a causa delle emissioni ad alto impatto ambientale.

La nave a vela: 12 giorni per attraversare l’Atlantico

I test hanno evidenziato che Oceanbird impiegherà appena 12 giorni per attraversare l’Oceano Atlantico sfruttando il vento come fonte di energia. Dotata di 5 rig con vele alari alte 80 metri per la propulsione a prua, e con 7mila posti auto contenuti all’interno della stiva, la nave cargo a vela è lunga 200 metri, ha un’altezza di 105 metri sopra la linea di galleggiamento ed è larga 40 metri.




Le vele alari, grazie a una costruzione telescopica, possono essere abbassate, ottenendo un’altezza sopra la linea di galleggiamento di circa 45 metri.

Con Oceanbird riduzione delle emissioni del 90%

La nave cargo a vela Oceanbird lascerà il 90% in meno di emissioni rispetto alle navi odierne, il che dimostra che l’industria marittima può apportare grandi cambiamenti e che è possibile una spedizione a emissioni zero. Il progetto di ricerca si chiama wPCC (wind Powered Car Carrier) e nel settembre 2020 la collaborazione ha presentato il concept Oceanbird.

LEGGI ANCHE: Gruppo Grimaldi prende in consegna la nave ibrida Eco Livorno

Supportato dall’amministrazione svedese dei trasporti, che ha stanziato 32 milioni di corone svedesi per il progetto di sviluppo triennale nel periodo 2019-2022, il concept di Oceanbird “è un’efficiente collaborazione a grappolo che riunisce esperti del settore pubblico e privato e del mondo accademico – spiegano i diretti interessati – Non stiamo solo sviluppando la tecnologia di trasporto del futuro, ma anche la prossima generazione di ingegneri”. (Guarda il video di Oceanbird)

Leggi anche

Cascina, CMC Marine : terza edizione della Service Convention

Fabio Iacolare

Sardegna in zona bianca: le regole per pesca e nautica da diporto

Redazione

Johnson Yachts, due modelli in costruzione nei nuovi cantieri navali

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.