Viaggi e stili di vita

Marsala, Cantine Pellegrino donano all’ospedale Borsellino sistema di sanificazione

Marsala Cantine Pellegrino donano all’ospedale Borsellino sistema di sanificazione

MARSALA – Per contrastare l’emergenza COVID-19, le Cantine Pellegrino – prestigiosa casa siciliana produttrice di vini bianchi e rossi, passiti di Pantelleria e Marsala – decidono di donare alla struttura pubblica sanitaria della propria città un sistema di sanificazione utile a contrastare la diffusione del virus che sta colpendo duramente l’intero Paese.

«Il problema Coronavirus ci riguarda tutti» ha dichiarato Benedetto Renda, Presidente dell’azienda. «È per questo che ci siamo messi in contatto con la Direzione Sanitaria dell’ospedale di Marsala per conoscerne le esigenze più immediate e donare un bene di prima necessità utile a fronteggiare l’emergenza in corso.»

La donazione in favore dell’Ospedale “Paolo Borsellino” di Marsala consiste in un sistema di sanificazione che garantisce la disinfezione e l’igiene dei luoghi, al fine di proteggere pazienti, medici, infermieri e tutto il personale sanitario da eventuali contagi da Coronavirus.

La Cantine Pellegrino, la storia di Marsala

Le Cantine Pellegrino dal 1880, anno della fondazione, sono costantemente impegnate nella tutela e nella salvaguardia del territorio di appartenenza, in termini ambientali e culturali.

LEGGI ANCHE: Marsala, con la vittoria di tappa Malte Reuscher si aggiudica il titolo Italiano Assoluto Slalom Windsurf 2019

Il rispetto e l’amore verso la propria terra hanno infatti sempre guidato le scelte della famiglia Pellegrino, la cui sensibilità emerge ancora una volta in un momento di grave emergenza, in questo caso globale.

Leggi anche

Immersioni nell’arte di Giuliano Mauri, il carpentiere della natura al Castello

Fabio Iacolare

Halloween e dintorni tra miniere, musei e castelli sulla mappa del brivido di Visit Brescia

Fabio Iacolare

Gruppo Bureau Veritas Italia acquisisce QCertificazioni

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.