Diporto

Federagenti, Venezia laboratorio nazionale ma dallo Stato solo promesse

Federagenti, Venezia laboratorio nazionale ma dallo Stato solo promesse

Federagenti, Venezia laboratorio nazionale ma dallo Stato solo promesse come il 13 febbraio: “Proprio alla vigilia dell’emergenza Covid 19 e quando le prime contraddittorie notizie incominciavano a rimbalzare dalla Cina”, denunciano gli operatori.

Venezia, città già duramente colpita dall’acqua alta, con una manifestazione che aveva unito su iniziativa di Federagenti, impresa, lavoro e istituzioni, aveva lanciato un segnale forte e chiaro sintetizzandolo in un manifesto programmatico.”

“Il giorno stesso il governo aveva dichiarato con soddisfazione di aver risolto definitivamente il problema del cosiddetto ‘protocollo fanghi’, fatto questo che avrebbe dovuto così dare il via a tutta una serie di lavori di escavi vitali per il porto.”

“Questo non è successo e oggi scopriamo che in realtà il protocollo è ancora dentro qualche cassetto ministeriale e non certamente per colpa del virus che nel frattempo ha sconvolto il nostro paese ed il mondo intero. Quel nostro manifesto che oggi potrebbe suonare profetico e al quale ha fatto seguito in questi giorni anche la sfida “Rimbalzaitalia” lanciata dal Sindaco Brugnaro, riaccreditava e, oggi proprio sotto la pressione del virus, convalida ulteriormente due considerazioni di fondo.”

“I danni di un’operazione di snaturamento storico, specie delle città marittime che hanno svolto funzioni di emporio, porto e capolinea di commerci, possono diventare fatali se non si pianifica in queste realtà una convivenza fra funzioni e vocazioni economiche

Venezia proprio per le sue caratteristiche mercantili e per la crescente consacrazione turistica, può e deve diventare il laboratorio per un ripensamento globale della struttura economica e sociale di una fascia straordinariamente importante di città italiane.

Secondo Federagenti è venuto il momento di trarre le conclusioni da alcune lezioni che la storia ci sta impartendo:

  1. Le città la cui economia è basata su di una monocultura (nel caso di Venezia, il turismo diventato una risorsa essenziale, ma da gestire e ripensare) rischiano di essere annientate da emergenze globali;
  2. senza investimenti immediati e da sbloccare a ogni costo, finalizzati a interventi infrastrutturali (nel caso del porto di Venezia spiccano i dragaggi dei canali attraverso i quali la transitano le navi) anche il tessuto economico apparentemente più sano può facilmente disgregarsi e sgretolarsi;
  3. l’unico fattore strategico vincente che consente anche di affrontare “il cigno nero” di emergenze globali è la logistica, quella supply chain della quale i porti sono elemento essenziale e irrinunciabile.

A meno di due mesi, lunghi anni con gran parte della popolazione italiana ancora “reclusa” e con l’incubo virus ancora attivo, quel messaggio lanciato da Federagenti, e condiviso da altre categorie imprenditoriali oltre che dal Sindaco di Venezia.

“Venezia, ma forse l’Italia intera, non possono più attendere”

Non solo conserva intatta la sua validità, ma assume oggi le caratteristiche di una scelta obbligata, in assenza della quale, “la politica si assumerà precise responsabilità nel declino del Paese”.

“Le monoculture economiche – afferma il Presidente di Federagenti, Gian Enzo Duci – mettono a nudo tutta la fragilità intrinseca di comunità locali che si rivelano del tutto incapaci di affrontare le emergenze. La logistica, la supply chain, e quindi porti, aeroporti, ferrovia, centri merce, si sono rivelati e si confermano come l’unico strumento in mano a sistemi economici nazionali anche nel quadro di una globalizzazione rivelatasi ad alto rischio in grado di contrastare gli effetti negativi più devastanti delle crisi”.

LEGGI ANCHE: Marittimi, le disposizioni di contenimento Covid-19 e i loro difetti

“Venezia è per noi, ma potrebbe diventare per tutti – prosegue Duci – il simbolo di ciò che non va perseguito, di ció che va fatto urgentemente e di ció che avrebbe dovuto essere realizzato per tempo”.

Federagenti, in collaborazione con le istituzioni veneziane costrette oggi a fronteggiare una crisi senza precedenti, intende fare proprio di Venezia il simbolo e il laboratorio da utilizzare contro la burocrazia, lo stallo decisionale su infrastrutture strategiche, i tempi infiniti per la loro realizzazione.

Una delle più note e splendide città del mondo trasformata in una ghost town e abbandonata persino da quelle navi da crociera che erano considerate alla stregua di nemici sistemici. Tutta colpa ‘solamente’ del virus? Secondo la Federazione Italiana degli Agenti Marittimi la storia e le esperienze devono insegnare qualcosa persino alla politica meno acuta.

E da ciò discende una scelta: rilanciare immediatamente il manifesto per Venezia, responsabilmente congelato in questi ultimi mesi di piena emergenza e pretendere una concreta azione delle Istituzioni. “

Leggi anche

Rosetti Superyatch, il nuovo 65m Explorer “Orca”: innovazione ispirata alla natura

Fabio Iacolare

Benetti Yatch, vendute due unità della serie Class

Fabio Iacolare

Il “Grande ottobre della vela”: Barcolana, Salone Nautico e tante regate

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.