Viaggi e stili di vita

“De Nittis e la rivoluzione dello sguardo” a Palazzo dei Diamanti di Ferrara

Con le sue inquadrature audaci, i tagli improvvisi, le prospettive sorprendenti affiancate a una sapiente resa della luce e delle atmosfere, l’artista Giuseppe De Nittis (1846-1884), figura di spicco dell’arte parigina di fine Ottocento con Giovanni Boldini, seppe rinnovare i codici della pittura coniugando modernità e radici personali. A lui è dedicata la mostra “De Nittis e la rivoluzione dello sguardo” di Palazzo dei Diamanti di Ferrara, che apre il 1° dicembre 2019 fino al 13 aprile 2020. Un’ occasione per scoprire la città con il centro storico Patrimonio dell’Umanità UNESCO, grazie alle proposte di Visit Ferrara e al codice sconto DENITTIS19, per prenotare il soggiorno direttamente su www.visitferrara.eu ottenendo una riduzione del 10%.

L’esposizione rilegge le poetiche della modernità dell’artista e nasce dalla collaborazione tra il Museo Giovanni Boldini di Ferrara e la Pinacoteca De Nittis di Barletta, la città d’origine dell’artista, che mette a disposizione le sue opere. Un’arte innovatrice quella del pittore pugliese che mette a confronto la pittura, i codici visivi della fotografia e quelli dell’arte giapponese, attraverso un linguaggio raffinato. De Nittis racconta nei suoi dipinti un mondo che cambia, fermando il suo obiettivo pittorico sulle città in trasformazione, la vita dei boulevard, i luoghi del tempo libero, senza rinunciare ai paesaggi del suo paese natio, ai cieli di Francia e alle nebbie di Londra. Tra le protagoniste della sua arte, la moglie Leontine, sua modella e manager. L’artista pugliese, infatti, si trasferì a Parigi nel 1869 e lì entrò in contatto con i grandi collezionisti dell’epoca e con colleghi come Monet, Manet, Degas.
Alle sue opere in esposizione vengono affiancate fotografie firmate da rilevanti autori del tempo, come Edward Steichen, Gustave Le Gray, Alvin Coburn e Alfred Stieglitz, oltre ad alcune delle prime immagini in movimento dei fratelli Lumière. Sarà inoltre disponibile un catalogo illustrato.

Con Visit Ferrara, si può visitare la mostra e soggiornare in città, prenotando direttamente sul sito web www.visitferrara.eu Il pacchetto di 2 giorni valido nei weekend dal 1° dicembre 2019 al 13 aprile 2020, a partire da 80 euro a persona, comprende una notte con colazione in una struttura ricettiva a Ferrara, un biglietto d’ingresso alla mostra di Palazzo Diamanti “De Nittis e la rivoluzione dello sguardo”, il 10% sull’acquisto del catalogo e una visita guidata della città “Raccontare Ferrara” di 2 ore il sabato pomeriggio alle ore 15.00.
Il programma di Visit Ferrara di 3 giorni, con prezzo a partire da 220 euro a persona, comprende, nel periodo dell’esposizione, 2 notti con colazione, il biglietto per la mostra e lo sconto del 10% sull’acquisto del catalogo, la visita guidata della città il sabato pomeriggio, un light lunch nella caffetteria del Castello Estense e una cena tipica in ristorante.

VISITE GUIDATE
Tutti i sabati ore 17.00, con ritrovo nel giardino di Palazzo dei Diamanti alle ore 16.45, le domeniche e festivi (6 gennaio e Lunedì dell’Angelo) ore 12.00, con ritrovo nel giardino di Palazzo dei Diamanti alle ore 11.45; in occasione delle aperture serali straordinarie (31 dicembre, 4 gennaio, 14 febbraio, 11 e 12 aprile) alle ore 21.00 con ritrovo nel giardino di Palazzo dei Diamanti alle ore 20.45.
Le visite guidate durano 1 ora e 15 minuti circa, al prezzo di 6 euro a persona, sono gratis per i bambini fino a 6 anni. Non è incluso il biglietto d’ingresso alla mostra che include anche la radioguida.
La prenotazione è obbligatoria, scrivendo a: visitamostraferrara@gmail.com contattando il numero 333 1581942 (dal lunedì al venerdì dalle ore 14.00 alle ore 18.00)

Leggi anche

We will rock you: oggi al via la nuova stagione dello spettacolo con le musiche dei Queen

Fabio Iacolare

Sport in vacanza, gli italiani preferiscono cibo e relax

Fabio Iacolare

La Francia in Scena alla Necropoli della Banditaccia di Cerveteri

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.