Diporto

Il brigantino a palo Avo Cristoforo, ecco la sua storia

brigantino a palo Avo Cristoforo

Il brigantino a palo Avo Cristoforo venne costruito nel 1863 dal cantiere degli Armatori Cerutti a Varazze e navigò per molti anni nel Pacifico e sulle rotte del riso di Rangoon all’Europa per conto dei Cerutti stessi.

Nel 1880, il brigantino a palo Avo Cristoforo venne acquistato dall’Armatore Vassallo di Genova Quinto. Attorno al 1897 venne venduto agli Armatori Mortola & Bozzo di Camogli, che lo utilizzarono per il traffico del legname dal Golfo del Messico, ribattezzandolo Pensacola. Nel 1904 venne ceduto ai demolitori.

Il brigantino a palo è un veliero di medie dimensioni che trovò larga diffusione tra il XVI e il XVIII secolo, ed era leggermente più grande e maneggevole del brigantino, grazie alla presenza di un altro albero e un altro sistema di vele.

LEGGI ANCHE: Il brigantino a palo Adda (ex Honululo, ex Nina) del tipo “Nova Scotia”

Si tratta di uno snello veliero, maneggevole e di dimensioni contenute, dotato di due alberi, quello prodiero armato con vele quadre, con una stazza lorda che va dalle 100 alle 300 tonnellate. Su NonSoloNautica troverete tutte le informazioni sui velieri che hanno segnato la storia della nautica italiana: miti e leggende di navi che hanno navigato in lungo ed in largo nei mari del mondo, grazie alla genialità di armatori rivoluzionari per l’epoca, che hanno scritto pagine di storia del Novecento. 

Leggi anche

Fiart 52 open, uno dei modelli di maggior successo della gamma

Fabio Iacolare

Genova e Venezia: accordo di cooperazione per lo sviluppo della nautica

Redazione

Vado Ligure, il terminal container si prepara per l’apertura con un’immagine coordinata

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.