Località di mare

Ferragosto Positanese: tre giorni di festa tra musica, cibo e fuochi d’artificio alle Agavi

Come tutti gli annil’hotel Le Agavi  festeggia il Ferragosto positanese coinvolgendo i suoi ospiti con musica, cucina tradizionale e fuochi d’artificio, iniziative che coinvolgeranno tutta la struttura a partire dalristorante “La Serra”, alla terrazza Alma, fino ad arrivare al ristorante “Remmese” sulla spiaggia.

Tre serate speciali a partire da martedì 13 agosto con lo show “Nuttata ‘e sentimento”, serenate al chiaro di luna con le più belle melodie italiane ed internazionali per una serata intima e raffinata al “Remmese”. Martedì 14 in occasione della processione a mare con spettacolo pirotecnico in onore della “Madonna Nera”, al ristorante “Remmese” con lo spettacolo “La tarantella” dove tradizione, danze e costumi si mescolano in un evento magico.

Gran chiusura mercoledì 15 agosto con una delle tradizioni più radicate in Costiera Amalfitana: i fuochi a mare in onore di Santa Maria Assunta. Lo spettacolo, che inizierà dopo lo scoccare della mezzanotte, può essere ammirato dalla posizione privilegiata dalla spiaggia del ristorante Remmese oppure dalla terrazza del ristorante stella Michelin “La Serra” con la cena a cura dello chef resident Luigi Tramontano. Allieteranno la serata le note dell’Italian Ensamble in un viaggio nella musica a 360 gradi tra ironia e delicatezza.

Cena di Ferragosto

RISTORANTE LA SERRA:

–       Insalatina tiepida di tagliolini con caviale Oscietra e ostrica “Daniel Sorlut”

–       Assoluto di melanzane

–       Lasagnetta con ricotta di bufala e limone, astice blu e dragoncello

–       Pietro con pesto di friggitelli e pistacchi, salsa piccante, aglio nero e verdurine

–       Noce di cocco a modo mio…

–       Passione d’estate

–       Petit four

Leggi anche

Antiche ancore recuperate dai carabinieri nelle acque di Ventotene

Fabio Iacolare

Conversano, dal lunedì al via l’edizione 2019 del festival Imaginaria

Fabio Iacolare

Barca fantasma e alla deriva trovata nel Salento: svelato il suo mistero

Claudio Soffici

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.