Viaggi e stili di vita

BrauBeviale 2019: toccare con mano l’universo della birra

I preparativi sono in pieno corso: non manca ormai molto e Norimberga sarà nuovamente il centro dell’industria internazionale del beverage. Dal 12 al 14 novembre 2019 il settore si incontrerà infatti al salone dei beni d’investimento più importante di quest’anno su scala mondiale per la produzione e la commercializzazione delle bevande. La proposta dei circa 1.100 espositori abbraccerà l’intera catena di processo delle bevande interessando tutti i suoi segmenti: birra, sidro, alcolici, spumanti, vino, acqua, succhi, bibite dissetanti e prodotti a base di latte. Per tradizione il tema della birra continuerà a fare la parte del leone e si potrà toccare con mano nella sua completa varietà, sia agli stand che nel programma collaterale.

È un fatto indiscusso: la BrauBeviale affonda le sue origini nella birra. Da esposizione settoriale di accompagnamento a un corso di perfezionamento per mastri birrai si è trasformata rapidamente in un evento di carattere sociale. Nel 1978 l’affluenza era già tale da richiedere spazi più ampi, sicché si è svolta per la prima volta nei padiglioni fieristici di Norimberga. Successivamente si è evoluta presto da incontro di settore per mastri birrai ad appuntamento internazionale dell’intero mondo delle bevande e non è mai stata così grande e internazionale come lo scorso anno. Durante questo lungo percorso la BrauBeviale non ha tuttavia mai perso la sua componente di “socialità” e, ora come allora, propone ancora molto sul tema della birra.

Per cominciare si partirà già il giorno antecedente l’apertura del salone con il 7° European MicroBrew Symposium organizzato dal Versuchs- und Lehranstalt für Brauerei – VLB di Berlino (Istituto di ricerca e formazione sulla birra). Oltre a offrire una panoramica sui trend di mercato internazionali in questo segmento, il simposio si concentrerà soprattutto sugli aspetti tecnici BrauBeviale 2019: toccare con mano l’universo della birra Comunicato stampa – agosto 2019 pagina 2/4 e tecnologici della produzione di craft beer: soluzioni generali per piccoli birrifici, la ricca varietà di prodotti e l’indispensabile controllo di qualità. Quest’anno sarà altresì dedicata particolare attenzione al tema del malto. Essendo rivolto a craft brewer, gestori di brew pub e maltatori internazionali il simposio si terrà in lingua inglese.

Nella Craft Drinks Area, sotto la guida di esperti indipendenti, si svolgeranno degustazioni di birra e altre specialità nel campo delle bevande. In un totale di otto bar a tema il pubblico potrà sperimentare una varietà inimmaginabile di gusti: cinque bar dedicati alla birra nei quali si potranno provare specialità provenienti da vari paesi, birre analcoliche e birre a ridotto tenore di alcol; un bar dedicato agli alcolici; un bar dedicato all’acqua e alle bevande analcoliche innovative, così come un bar nel quale gli interessati potranno scoprire quale ruolo centrale giochino la qualità e il tipo di bicchiere per la percezione sensoriale. Lo scorso anno quasi 10.000 visitatori (tra questi produttori di bevande, rivenditori specializzati al dettaglio e all’ingrosso, ristoratori ecc.) si sono immersi in questo mondo di esperienze di gusto inaspettate lasciandosi ispirare.

Il continuo incremento del numero di piccoli birrifici e microbirrifici, nonché una scena craft beer in costante crescita, hanno influenzato e cambiato il settore birrario sia in Germania che a livello internazionale. Di conseguenza la BrauBeviale è diventata altresì polo di approdo tanto per i birrifici di piccole e piccolissime dimensioni quanto per i birrai casalinghi e quelli per hobby. Queste realtà troveranno interlocutori competenti e ampie informazioni per le proprie esigenze sia nel pavillon tematico Artisan and Craft Beer Equipment sia nella sezione speciale brau@home. Input specialistici, suggerimenti preziosi e scambio reciproco si avranno inoltre nell’annesso Speakers’ Corner. Un ulteriore highlight per i birrai casalinghi e quelli per hobby, in particolare per uno di loro di nome Heiko Müller, sarà la presentazione della sua kellerbier “Kaminfeuer” (birra di cantina non filtrata a bassa fermentazione “fuoco di caminetto”) che è riuscita a convincere la giuria di degustatori al secondo concorso dei birrai per hobby indetto da Maisel & Friends e BrauBeviale.

Naturalmente sarà assegnato di nuovo anche l’European Beer Star che, sin dal suo “anno di nascita” nel 2004, vanta la propria patria fieristica proprio alla BrauBeviale. L’European Beer Star, oggi uno dei concorsi della birra di maggior rilievo su scala mondiale, è stato istituito su iniziativa congiunta BrauBeviale 2019: toccare con mano l’universo della birra Comunicato stampa – agosto 2019 pagina 3/4 dell’ente promotore del salone Private Brauereien Bayern (Associazione dei birrifici privati della Baviera), della federazione di categoria tedesca e di quella europea. Tra tutti i vincitori della medaglia d’oro il primo giorno di fiera i visitatori della BrauBeviale eleggeranno la loro birra preferita, la Consumers’ Favourite 2019 in oro, argento e bronzo. Alla sua ultima edizione l’European Beer Star ha registrato nuovamente una partecipazione record: nel 2018, infatti, ben 2.344 birre da 51 paesi hanno affrontato il giudizio dei 144 membri che compongono la giuria di esperti. Quest’anno sarà possibile iscrivere birre in nientepopodimeno che 67 categorie, tra cui per la prima volta anche “stout” e “non-alcoholic hefeweizen (top fermented)”.

Oltre a ciò nel Forum BrauBeviale si terranno conferenze, presentazioni e tavole rotonde su temi del futuro dell’industria delle bevande, alcuni dei quali saranno ovviamente dedicati nello specifico al tema della birra. Anche l’Export Forum German Beverages, il giorno antecedente l’apertura del salone, intende porsi come importante realtà propulsiva per i birrifici e altri produttori di bevande offrendo una piattaforma neutrale per lo scambio qualificato di esperienze con specialisti dell’esportazione.

La BrauBeviale è uno dei saloni dei beni di investimento per l’industria delle bevande più importanti a livello mondiale. Per tre giornate gli espositori internazionali presentano al Centro Esposizioni Norimberga un’offerta a 360 gradi sull’intera catena di processo della produzione di bevande: materie prime, tecnologie, componenti, packaging e marketing. I visitatori appartengono al management tecnico e commerciale dell’industria delle bevande europea, nonché all’ambito della distribuzione e della ristorazione. La proposta merceologica è integrata da un attraente programma collaterale che riprende, presenta e discute i temi attuali del comparto. Tema chiave è la capacità di futuro del settore del beverage. Altri highlight: il forum BrauBeviale, la Craft Drinks Area e numerosi pavillon a tema. La consueta atmosfera familiare fa della BrauBeviale l’appuntamento fisso per gli BrauBeviale 2019: toccare con mano l’universo della birra Comunicato stampa – agosto 2019 pagina 4/4 operatori del ramo. Ente promotore della BrauBeviale è la Private Brauereien Bayern (Associazione dei birrifici privati della Baviera). La BrauBeviale è uno degli eventi che costituiscono la Beviale Family, la rete globale di manifestazioni dedicate alla produzione e alla commercializzazione delle bevande.

Leggi anche

Caffè e bellezza, un binomio perfetto

Fabio Iacolare

Greenpeace, “Eco Menù” con dieci consigli per una spesa amica del clima e del Pianeta

Fabio Iacolare

Il nuovo Hilton Molino Stucky di Venezia

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.