Nautica Sport

I fast cruiser Wally sbaragliano gli avversari a Les Voiles de Saint Tropez

fast cruiser Wally

I fast cruiser Wally sbaragliano gli avversari. Durante la seconda settimana de Les Voiles de Saint Tropez, un’onda costante ha accompagnato il prodiere di Magic Carpet Cubed. Alle andature portanti, con il suo grande asimmetrico, la barca volava, mostrando il suo maestoso piano velico di 1.420 metri quadri issato sull’albero di 46 metri in fibra di carbonio ad alto carico di rottura. Anche se progettato per comode crociere, Magic Carpet Cubed può raggiungere velocità mozzafiato con prestazioni di grande livello grazie al suo design e allo sviluppo high-tech alla pari dei più moderni purosangue da regata.

I fast cruiser Wally conquistano Les Voiles de Saint Tropez

Lo spettacolare Wallycento Magic Carpet Cubed di Sir Lindsay Owen-Jones è riuscito a conquistare la vittoria nonostante le combattute sfide con Rambler di George David. Dopo due regate, le barche erano ancora vicinissime in classifica e tutto si è deciso nell’ultimo bordo dell’ultima regata di Saint Tropez. La partenza è stata rimandata per il poco vento, quando i grandi Maxi della classe IRC 1 dovevano ancora affrontare un percorso di 25 miglia. Fortunatamente si è levata una fresca brezza di 18 nodi che ha dato vita a un fantastico spettacolo.




Fresco vincitore della Maxi Division alla Maxi Yacht Rolex Cup del mese scorso, Magic Carpet Cubed si riconosce a prima vista grazie alle brillanti bande blu sulle fiancate, che sono diventate una caratteristica per l’armatore/timoniere che ha posseduto ben tre Wally con lo stesso nome.

Due vittorie consecutive per Wally 77 Lyra

fast cruiser Wally 2

Non ci sono stati dubbi su chi fosse il vincitore della classe IRC 3B a Les Voiles de Saint Tropez, nella quale il Wally 77 Lyra ha ottenuto due vittorie consecutive su tre regate totali. Il team e la barca hanno dimostrato di essere sempre all’altezza delle diverse condizioni di regata. Dal giorno del suo varo nel 2000, Lyra ha continuato la messa a punto culminata in un recente refit sostanziale nell’armo e nella chiglia. La classe mini-maxi, con le sue 18 barche, era una delle più competitive, come confermano gli scarti ridotti alla partenza e all’arrivo.




A bordo di Lyra regatano alcuni dei più importanti velisti professionisti, che hanno dimostrato le loro capacità vincendo con un percorso perfetto la divisione Mini Maxi 3&4 alla Maxi Yacht Rolex Cup. Sembravano pronti a ripetere la stessa prestazione anche a Saint Tropez. Le condizioni meteo sono state però molto variabili, con un giorno di regata annullato per il troppo vento, uno per la bonaccia e negli altri giorni le regate sono state posticipate fino all’arrivo della brezza. La vittoria di quest’anno, come ha dimostrato Lyra, è dipesa dalla capacità di adattamento della barca e dell’equipaggio.

È il perfetto esempio di quanto un Wally possa essere competitivo. L’elegante Wally 107 Green Eyes (ex Kauris III), costruito nel 2002, ha avuto infatti il più alto rating nel gruppo IRC 2 a Les Voiles de St Tropez la scorsa settimana. I suoi splendidi interni rivestiti in legno e l’incredibile comfort sono ampiamente compensati dalla leggerezza dello scafo e dai lavori di refit che hanno costantemente modernizzato l’armo per ridurre il peso in alto. Dotato di chiglia basculante, sfoggia un albero in carbonio di Southern Spars e sartiame di ECSix.

Rose

fast cruiser Wally 3

Rose (già Tango G), varato nel 2006, fa parte della brillante gamma Wally 80, che comprende sei barche. Questa barca presenta linee eleganti e minimali, ponti aperti e puliti e quello stile senza tempo proprio del DNA Wally, capace di conquistare gli appassionati oggi come quando è stata costruita. Rose si è dimostrata un formidabile concorrente nel circuito Med maxi, ma è anche una barca da crociera estremamente confortevole, con cabine lussuose, tanti ambienti conviviali e ampi spazi per i toys.

Ryokan 2

Ryokan 2, vincitore del premio di design Compasso d’Oro, è sempre presente a Saint Tropez, dove lo scorso anno ha conquistato una meritata vittoria nella sua classe. In quest’edizione con due secondi piazzamenti e un quarto posto, ha portato a casa un interessante terzo posto assoluto. Questo Wally 80 vanta un equipaggio esperto e il suo armo ha subito delle vantaggiose modifiche, che ne hanno migliorato le prestazioni con vento leggero. Si tratta di una barca che può tranquillamente sfidare in regata i più moderni yacht.

Il 100 piedi Y3K

fast cruiser Wally 4

Il potente 100 piedi Y3K sperava di raggiungere grandi risultati in questa edizione de Les Voiles de Saint Tropez. Le condizioni variabili hanno fatto faticare il suo equipaggio, che è riuscito infine a ottenere un quarto posto assoluto. Ma la barca ha mostrato tutto il suo potenziale, con una meritata vittoria nei venti leggeri della seconda regata. Questo scafo disegnato da German Frers costruito nel 2009, ha la grazia e la leggerezza di tutti i Wally e allo stesso tempo offre alloggi di lusso per sei ospiti e quattro membri d’equipaggio.

LEGGI ANCHE: Domenica a Bari la veleggiata per il sostegno alla lotta al tumore al seno

Il grande numero di modelli Wally nelle classi Maxi a Les Voiles de Saint Tropez, ha dato vita già da molto tempo ad un trofeo per premiare le barche del brand che si sono maggiormente distinte. Lyra ha ottenuto un clamoroso primo posto, seguita da vicino da Ryokan 2 e Magic Carpet Cubed.




La sfida per aggiudicarsi il primo gradino del podio tra le più grandi e competitive barche della classe IRC1 è stata agguerrita. Sir Lindsay Owen-Jones esulta con il suo team per la vittoria. Nel corso delle stagioni hanno messo a punto una barca che è un concentrato di potenza e un’icona di modernità. Insieme al suo equipaggio, ha spronato il Wallycento ottenendo prestazioni da brividi nell’ultima giornata di regate, che li ha visti battere i loro rivali.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Lago d’Orta, un successo l’XI edizione della Regata “Rubinetto d’oro”

Fabio Iacolare

The FortyTwo, Eleva Yachts presenta un 42 piedi di qualità

Redazione

Vendée Globe: passaggio alla longitudine del Punto Nemo per Giancarlo Pedote

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.