Diporto Nautica Normative Sport

“Noi, tra i pochi ad andare in barca: ma non chiamateci privilegiati”

Chi può andare in barca in zona rossa

Chi può andare in barca in zona rossa? È una delle domande che più viene posta in questi giorni di lockdown territoriali previsti dal Dpcm dello scorso 3 novembre. Per circa 26 milioni di italiani residenti in Lombardia, Toscana, Calabria, Val d’Aosta, Piemonte e Campania sono vietate le attività da diporto.

C’è una categoria però a cui è concesso ancora andare in barca: è quella degli istruttori delle scuole nautiche insieme ai loro allievi. Sono tra i pochi in Italia a cui è ancora permesso, ma non si sentono affatto dei privilegiati.

Ecco chi può andare in barca in zona rossa

“La nostra categoria è stata tra le più colpite del periodo tra marzo e maggio scorsi, adesso possiamo continuare le nostre attività perché sono stati garantiti gli spostamenti per motivi di lavoro”.




A spiegarlo a Nonsolonautica.it è Marco Morana, vice segretario nazionale della sezione nautica della Confarca (confederazione che rappresenta le scuole nautiche e le autoscuole italiane) e titolare della scuola nautica NESW, tra le più famose agenzie di Milano che può vantare nel suo palmares il conseguimento della patente nautica da parte di molti VIP.

Vi sentite dei fortunati?

 “Tra i diportisti sì, sicuramente, seppur a marzo abbiamo subito delle gravissime conseguenze economiche dovute al lockdown totale. Finalmente siamo riusciti a far comprendere al Ministero delle Infrastrutture e dei dei Trasporti che la nostra è una delle attività più sicure per quanto riguarda il rischio contagio da Coronavirus”.

Avete fatto una stima delle perdite?

“Ogni scuola avrà perso decine di migliaia di euro di entrata, anche perché lo stop è arrivato a ridosso dell’estate, periodo in cui abbiamo il maggior numero di iscritti. Un danno provocato, poi, anche dall’intasamento negli esami, che ad oggi devono ancora essere recuperati e di cui siamo fortemente preoccupati”.

Perché i velisti e i candidati all’esame per la patente nautica possono continuare a svolgere attività didattica?

“Per effetto della comprovata necessità di formare e far svolgere gli esami agli allievi”.

Il decreto è contraddittorio: cosa c’è di più sicuro dello stare in barca da soli?

Molti circoli nautici non stanno praticando attività sportive e sono previsti fondi di sostegno per lo stop alle attività…

“Il decreto è sicuramente contraddittorio: le attività sportive a vela dovrebbero essere equiparate al jogging, laddove si possano svolgere vicino casa: prendiamo come esempio un velista che vive vicino al lago di Como, o in Sicilia a pochi metri da un porto. Anche perché qualcosa di più sicuro di stare da soli, all’aperto e in mezzo all’acqua, credo non ci sia…”.

Soddisfatti del risultato ottenuto come scuole nautiche?

“Come categoria per il momento, comprendendo le restrizioni, siamo soddisfatti di poter continuare a lavorare, seppur per ovvi motivi abbiamo ridotto la presenza delle persone a bordo sulle nostre unità navali. Tuttavia, sarebbe auspicabile che gli addetti ai controlli considerassero l’eventuale presenza all’interno di un pozzetto di una barca non vincolante per le misure di sicurezza, e in particolare circa il distanziamento”.




Il Coni in un dossier dello scorso maggio ha dichiarato gli sport velici a rischio zero, non sarebbe coerente permettere queste attività, anche in zona rossa?

“Assolutamente sì. La vela, e tutte le attività che si possono fare in barca all’aperto, soprattutto se in maniera individuale, sono sicure, lo abbiamo sempre ribadito. Troppe contraddizioni, ma il momento è difficile per tutti”.

Seguici su Facebook e resta aggiornato – Clicca qui

 

 

Leggi anche

Spiagge libere e Covid 19, ora gli italiani temono il contagio

Redazione

Posata chiglia scafo 10238, primo 52 metri TLine di Baglietto

Redazione

Esami e Coronavirus, le scuole nautiche scrivono al viceministro Cancelleri

Redazione

12 commenti

Roberto 16 Novembre, 2020 at 4:14 pm

Io quello che non riesco ancora a capire se ho una barca nel mio comune di residenza dove posso raggiungerla in totale sicurezza non posso usarla in zona rossa e andare a far pesca amatoriale da solo in totale sicurezza poi vedo che in bici o a piedi possono fare sport amatoriale basta che mantengono distanza ma in mare che pericolo ho di avere il contaggio o di trasmetterlo premetto che effettuato tampone risultato negativo vivo a Bacoli pv Napoli

Rispondi
Davide Gambardella 17 Novembre, 2020 at 9:00 am

Buongiorno Roberto, la contraddizione è tutta lì, infatti.

Rispondi
Vincenzo de martino 16 Novembre, 2020 at 6:00 pm

Buonasera, sono un pensionato è posseggo un pilotina che uso x la pesca individuale sportiva, è vero e rispetto ogni dovere verso il prossimo specie oggi che a napoli è zona rossa ma non vedo il contagio che si possa arrecare ad altri dalle 6 alle 11 di mattina da soli in barca in mezzo al mare, senza paragonare né a parrucchieri ed altri che sono aperti a differenza di altri che sono a casa, o a passeggiare nei pressi di casa

Rispondi
Davide Gambardella 16 Novembre, 2020 at 6:47 pm

Siamo perfettamente in sintonia con lei. Stringa i denti. Saluti

Rispondi
Leonardo 16 Novembre, 2020 at 6:21 pm

Ma perché nessuno parla dello sport individuale kitesurf? Forse perché si crede ancora che i kiters non appartengono alla categoria dei velisti?
Comunque qualcuno mi dovrebbe spiegare perché non è possibile praticare il kitesurf. Dov’è il rischio di contagio in acqua da soli?
Grazie a chiunque voglia chiarirmi le idee.

Rispondi
Davide Gambardella 16 Novembre, 2020 at 6:47 pm

Salve Leonardo, intendevamo anche il kite e il windsurf. Siamo d’accordo con lei, ma purtroppo c’è troppa confusione attorno a queste attività. Saluti

Rispondi
Leonardo 20 Novembre, 2020 at 12:20 pm

Come fare affinché il governo possa ascoltare le nostre voci? Eppure il gioco di squadra dei professionisti del calcio è ammesso! Forse perché il nostro amato sport non porta ad interessi economici?
Come al solito in Italia si ascolta solo chi fa parte di determinare categorie (con grossi interessi economici).
Saluti a tutti gli appassionati e buon vento.

Rispondi
Davide Gambardella 20 Novembre, 2020 at 2:37 pm

Sono delle belle contraddizioni, caro Leonardo. Non possiamo che concordare con lei. Saluti

Rispondi
Spingola Michelangelo 16 Novembre, 2020 at 8:36 pm

A chiunque paga regolarmente un contratto di un posto barca in una struttura regolarmente autorizzata è logico aspettare un indennizzo?

Rispondi
Davide Gambardella 17 Novembre, 2020 at 8:59 am

Salve Michelangelo, al momento non sono previsti. Sinceramente la vedo difficile. Saluti.

Rispondi
damiano de micheli 17 Novembre, 2020 at 7:34 pm

volevo giusto capire il nostro governatore emiliano nel primo lock down deliberava che la pesca si poteva fare.non capisco quale assemblamento e quali contagi possono avvenire andando a pesca.

Rispondi
Davide Gambardella 18 Novembre, 2020 at 7:23 am

Più che a Emiliano, bisognerebbe chiedere al Governo. Credo stiano eseguendo le disposizioni di CTS e Iss. Anche se concordo con lei sul fatto che il rischio di assembramenti sia quasi inesistente. Saluti

Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.