News dal mare

Mare per tutti, in Sardegna le carrozzine per persone con disabilità

Il mare alla portata di tutti, anche per le persone con disabilità. In Sardegna quest’anno la spiaggia di Golfo Aranci sarà dotata di tre carrozzine da mare per permettere alle persone con disabilità di accedervi.

L’iniziativa è dell’amministrazione comunale, che grazie ad una parte della raccolta fondi effettuata lo scorso Natale in occasione della gara con i lancioni, realizzata in collaborazione con le sezioni della Lega Navale di Golfo Aranci e di Olbia, è riuscita a mettere in campo la prima spiaggia attrezzata dell’area nord della Sardegna per le persone con disabilità.

Non la prima iniziativa socialmente utile dell’amministrazione guidata dal sindaco Giuseppe Fasolino: un’altra parte dell’importo raccolto durante il periodo natalizio era stato già devoluta a favore delle organizzazioni che si occupano di contrastare la violenza sulle donne.

LEGGI ANCHE: L’Autofficina Nuvoli di Alghero ritorna alla nautica

Saranno in tutto 15 i litorali del territorio ad avere in dotazione almeno una carrozzina da spiaggia: i concessionari dovranno garantire il servizio attraverso une convenzione che prevederà anche l’acquisto di altre carrozzine con il concorso dei privati.

Ad annunciarlo è la fascia tricolore, Giuseppe Fasolino: “Vogliamo che le nostre spiagge siano sempre più ‘a misura’ di persona di ogni condizione ed età – commenta il sindaco – con una particolare attenzione ai disabili e alle persone con mobilità ridotta. Chi ama il mare sa quanto è difficile rinunciarci soprattutto a causa di una disabilità permanente, fortunatamente oggi esistono in commercio carrozzine da spiaggia in grado di rendere più agevole lo spostamento dei disabili e l’ingresso in acqua. Riteniamo che dotare le nostre spiagge di questo servizio sia un segno di civiltà e di ulteriore qualificazione della nostra costa, che non è solo bella da vedere, ma anche da vivere pienamente”.

“Si tratta di un primo passo, – commenta il consigliere Paolo Madeddu – tra i promotori della raccolta di fondi abbinata alla remata a cui se ne dovranno aggiungere altri, sia da parte del pubblico sia da parte dei privati, per offrire sempre più un paese inclusivo. Prossimamente le carrozzine saranno messe a disposizione dei gestori degli stabilimenti che ne cureranno l’uso e assicureranno una spiaggia più accessibile ed accogliente”.

Leggi anche

Marina Militare, il cacciatorpediniere Caio Duilio in sosta a Salerno

Fabio Iacolare

Sorrento, tutto pronto per il via del progetto itinerante “Salva-acque”

Fabio Iacolare

Slow Food, manifesto ai candidati sui sistemi alimentari sostenibili

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.