Diporto

Lutto nel mondo della Motonautica, incidente per Fabio Buzzi e il suo team

Grave incidente al largo delle coste veneziane dove nella tarda serata di ieri, il pluricampione di Motonautica Fabio Buzzi ha perso la vita insieme ad altri membri dell’equipaggio dopo aver si schiantato contro una diga. L’incidente è avvenuto n località Lunata la sua barca offshore si è schiantata contro una diga, provocando la morte di altre due persone e il ferimento di un uomo. Sul posto sono presenti i sanitari del 118, la Guardia Costiera e i Vigili del Fuoco. I soccorsi sono ancora in corso. Fabio Buzzi stava cercando di battere il record, che lui stesso deteneva, sul percorso Montecarlo-Venezia. A confermarne il decesso, Giampaolo Montavoci, coordinatore responsabile settore endurance e Offshore della Federazione Motonautica che su Facebokk ha scritto: “Questa sera la barca di Fabio Buzzi all’arrivo del tentativo di record Montecarlo Venezia si è schiantata contro la diga al Lido di Venezia ed è morto, insieme a due piloti inglesi. Ferito Mario Invernizzi”. Secondo quanto riferito dal sito del Gazzettino, proprio vicino all’arrivo, con i cronometristi ad attenderlo, Buzzi si è schiantato violentemente contro la diga di San Nicoletto, in località Lunata.

Aveva 76 anni. E’ stato campione del mondo di Motonautica e presidente della Commissione nazionale offshore e endurance. Nato a Lecco nel 1943, Buzzi realizza il suo primo scafo da corsa nel 1974 chiamandolo Mostro ed è con questo che conquista nel 1978 il record mondiale della classe S.4 alla velocità di 176,676 km/h. In oltre 30 anni di attivitaàFB Design, la compagnia da lui fondata, ha vinto 52 titoli mondiali e ha stabilito oltre 48 record di velocità in tutte le classi esistenti della Motonautica. 

Leggi anche

Columbus Yachts annuncia la vendita del primo Atlantique 47

Redazione

WHY200: superyacht full-wide-body che coniuga design, spazio e velocità

Redazione

Assonautica Latina in missione al Dubai International Boat Show

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.