Nautica Sport

La Prada Cup è italiana: Luna Rossa vince 7 a 1 su Ineos

la prada cup è di Luna rossa

Con un secco 7 a 1 Luna Rossa liquida la pratica Ineos e vince la Prada Cup: gli italiani sfideranno il defender Team New Zealand per contendergli la Coppa America a partire dal 6 marzo. Max Sirena eguaglia Francesco De Angelis e diventa il secondo italiano a vincere il torneo dei challanger (ai tempi di De Angelis nel 2000 si chiamava Louis Vuitton Cup).

Si regata nel campo A, lo stesso che ha visto la scuffia di American Magic. Il vento è previsto a una velocità tra i 10 e i 14 nodi. Ineos entra a sinistra nel box di pre partenza. Dopo alcune manovre che vedono gli scafi distanziati, Luna Rossa riesce a entrare nel campo di gara a destra, ma gli inglesi sono dieci metri avanti. Le barche volano a 29 nodi. Alla prima virata, Luna Rossa passa subito in vantaggio di 50 metri e si prende la parte destra del campo, spingendo gli inglesi verso la sinistra. Gli italiani hanno anche uno splash down e toccano l’acqua con lo scafo, ma il vantaggio non diminuisce, anzi: 100 metri avanti.




Al primo gate il team di Max Sirena è avanti di 16 secondi. Nella corsa verso la seconda boa le barche raggiungono di poppa punte di 37 nodi. Luna Rossa allunga fino a 300 metri sui sudditi di sua maestà. Al gate 2 i secondi di vantaggio sono 21 e la manovra di Ineos alla boa non è delle migliori. Di bolina Luna Rossa performa decisamente meglio di Ineos e infatti gli italiani distanziano ancora di più il team di Ben Ainslie. Al gate 3 oramai il vantaggio italiano è irrecuperabile per gli inglesi: un minuto e 7 secondi. Luna Rossa è in controllo già a metà gara: alla boa 4 è avanti di 1 un minuto e 2 secondi, alla 5 di un minuto e 45. Al traguardo la distanza si mantiene costante e Luna Rossa arriva al finish un minuto e 45 secondi prima di Ineos.

Luna Rossa vince la settima regata e si aggiudica la Prada Cup

Gioco aggressivo di Ben Ainslie nel pre-start della seconda regata di giornata. Barche molto vicine e serie di proteste italiane. Il giudice di gara non le accetta. Gli inglesi si prendono dei rischi, virano a pochi metri dalla linea dello start davanti a Luna Rossa che riprotesta. Ma gli italiani entrano in anticipo nel campo di gara e prendono una penalità: devono dare 50 metri di vantaggio a Ineos. Luna Rossa però prova subito il recupero. Al primo incrocio Ineos è avanti, ma al secondo incrocio gli italiani sono già in vantaggio. Al primo gate Luna Rossa è 12 secondi avanti. La corsa verso il gate due vede gli scafi a pochi metri di distanza. Il team di Max Sirena mantiene lo stesso vantaggio al secondo giro di boa: 12 secondi. Di bolina luna Rossa allunga un po’ e si porta avanti di 250 metri. In termini di tempo il vantaggio è di 34 secondi. Gli italiani vanno in controllo proponendo le stesse virate di Ineos e non dando agli inglesi la possibilità di recuperare: l’unico rischio è finire in displacement, perché il vento sta calando. Luna Rossa però tiene la barca in volo, alla quarta boa è avanti di 36 secondi. Gli italiani mostrano buon controllo dello scafo nell’ultima regata di Prada Cup. Il percorso verso la vittoria della coppa vede Luna Rossa in vantaggio di 53 secondi al gate 5 e di 56 secondi al traguardo. Luna Rossa vince 7 a 1 su Ineos: la Prada Cup è italiana.

 

 

 

Leggi anche

Warm Up Regatta: esordio d’oro per Marco Gradoni nel 470 mixed

Redazione Sport

Windsurf, Campionato Italiano Windfoil: Bruno Martini sempre leader

Fabio Iacolare

Castellammare del Golfo, pescatori donano pesce a famiglie bisognose

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.