Località di mare

Una statua per gli 800 anni della partenza di San Francesco dal porto di Ancona per la Terra Santa

Sistema Portuale Mare Adriatico Centrale, un indotto di oltre 9mila persone

Un segno celebrativo per ricordare gli 800 anni della partenza di San Francesco dal porto di Ancona per la Terra Santa. È la lastra celebrativa inaugurata oggi alla banchina San Francesco, dedicata al santo Patrono d’Italia il 1 settembre durante la Festa del mare, alla presenza di mons. Angelo Spina, arcivescovo della Diocesi metropolitana Ancona-Osimo, del presidente dell’Autorità di sistema portuale Rodolfo Giampieri, e del contrammiraglio Enrico Moretti, Comandante del porto di Ancona, e delle autorità civili e militari. Il disegno è ispirato da un’idea artistica di mons. Spina: l’immagine rappresenta San Francesco a bordo di un’imbarcazione che parte da Ancona, porta d’Oriente e via della pace. Lancia una colomba come simbolo di pace e di incontro con l’altro e con la natura. La lastra è in bronzo, ha una dimensione di 2 metri per 1,5 metri ed è stata realizzata dalla Fonderia Marinelli di Agnone (Isernia), fra le più antiche al mondo, specializzata nella costruzione di campane. Il bozzetto per la realizzazione dell’opera era stato presentato il 4 ottobre, giorno di San Francesco, a bordo della nave scuola Amerigo Vespucci durante la permanenza al Porto Antico. Presentato oggi anche il Presepe del porto, omaggio della comunità portuale al Natale e al mare, al rapporto vitale che ogni giorno trova fondamenta nel lavoro che nasce da esso e al suo spirito di accoglienza e di solidarietà. È stato allestito alla Portella Panunzi dall’associazione Stella Maris, si potrà visitare fino al 6 gennaio 2020. Con la Sacra famiglia, sono gli elementi del mare i protagonisti di questa scena della natività: una barca, una lancia del 1925, la «7/a Cavalleria», reti da pesca, nasse, reperti di antica manifattura, messi a disposizione dal Comitato Museo del mare, tronchi d’albero trasportati dalle onde e recuperati dalle persone, elementi che simboleggiano il legame fra il porto, il lavoro, la sua storia e la vita di tutti coloro che vi operano o vi passano.

Leggi anche

Ripartono da Portoazzurro le visite guidate alla scoperta di Montecristo

Redazione

Ostia Antica Festival 2020, Il Mito e il Sogno entra nel vivo della rassegna

Fabio Iacolare

SalentoinBus, dal 1° luglio ritorna attivo il servizio con nuove linee

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.