Diporto

Il brigantino goletta Adelina, la storia del cantiere Gotuzzo di Chiavari

Il brigantino goletta Adelina venne costruito tra il 1885 ed il 1888 dal cantiere Gotuzzo di Chiavari che dapprima lo utilizzò in proprio per diversi anni con una stazza di 170 tonnellate.
Aveva l’armamento velico inusuale: fra il trinchetto e l’albero maestro, anziché avere le solite vele di straglio, disponeva di randa e controranda con boma e picco di trinchetto come una goletta pura, pur avendo le vele quadre di maestra e gabbia (e gabbia volante alla bisogna).
Nella Riviera di Levante un’imbarcazione così armata la chiamavano goletta ermafrodita.
La Adelina passò poi all’armatore Dallorso per conto del quale trasportava soprattutto laterizi, ardesie e merci varie da e verso il Mediterraneo orientale.
Affondata nel Canale di Piombino il 15 giugno 1916 alle ore 05.35 dal sommergibile tedesco U 35 al comando del Kapitänleutnant Lothar von Arnaud de la Perière alla pos. 43°00′ N – 10°05′ E.

Leggi anche

In Liguria l’iniziativa “E sarà buon vento!” dedicata al personale Covid-19

Redazione

Norwegian Cruise Line Holdings annuncia cambiamenti organizzativi

Fabio Iacolare

Nautica, il Made in Italy trionfa al Global Order Book 2020

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.