Diporto Video nautica

Se l’Italia chiama gli imprenditori e gli artigiani della Cna rispondono

“In questa drammatica situazione le paure e i sacrifici sono superate solo da grandi esempi di solidarietà, ingegno e disponibilità – spiega Federica Maggiani, presidente Cna La Spezia -.

Abbiamo l’onore di rappresentare aziende che si mostrano disponibili a fare la propria parte: dai produttori di mascherine adatte all’emergenza sanitaria, ad albergatori che hanno dato consenso all’utilizzo delle proprie strutture a fini sanitari.

Ad aziende che in pochissimo tempo si sono riconvertite nel realizzare prodotti indispensabili per l’emergenza sanitaria,  a chi ha offerto il suo servizio di trasporto gratuitamente sapendo di consegnare indispensabile materiale sanitario, sino a chi si è reso protagonista di gesti simbolici come il donare pizze e gelati ai medici ed infermieri impegnati in prima linea in ospedale.

Da chi continua a lavorare tra enormi difficoltà e preoccupazioni, come i nostri autotrasportatori, a chi con enorme paura per il futuro è rimasto a casa, sino ai titolari che restano da soli nelle loro attività per tutelare la salute dei dipendenti.

Sono giorni durissimi ma è proprio nelle difficoltà che stiamo trovando esempi straordinari di solidarietà”.

“Per questo oltre a ringraziare per il loro immenso lavoro e sacrificio chi è in prima linea come medici, infermieri e personale socio sanitario vogliamo lanciare un messaggio verso il futuro -.

Prosegue la Presidente Cna La Spezia -. Siamo il popolo del saper fare con le mani, con creatività e ingegno e con il cuore. Le serrande abbassate oggi ci fanno capire come sarebbero i nostri centri abitati se le attività si fermassero.

Ora più che mai i costi dei servizi pubblici essenziali sono diventati improponibili e le imprese non possono trovarsi di fronte al bivio se pagare le tasse o assumere nuovo personale nel momento in cui l’emergenza sarà cessata.

Dobbiamo approfittare dello stop forzato per mettere le basi di rapporti nuovi, di gestioni nuove dove la politica e amministrazione pubblica incontrino l’economia vera, residente e resistente, dove gli accordi e le nuove regole vengano dettate dai numeri degli imprenditori piuttosto che generati da solo denaro come rapporto di forza.

Non sarà continuando ad  aumentare Imu, Tari e Tasi che si risaneranno i bilanci locali, non sarà inventando moduli su moduli che ripartirà l’economia.

Non sarà solo lo smart-working la novità del momento ma una modalità smart di lavoro in tutti i campi, con poche regole chiare uscendo dalla palude della burocrazia”.

“Anche per questo abbiamo lanciato una campagna social “Ricominciamo, Insieme”.

Condivisa anche con Cna Emilia Romagna, che vuole sottolineare la necessità di valorizzare tramite le nostre scelte quotidiane il valore delle imprese locali, dall’artigianato al commercio sino alla produzione.

Con la speranza di uscire presto da questo terribile incubo.

Cna c’è ed è al fianco di tutti i suoi associati, per supportarli in questo momento delicato e difficile.

Tutti noi di Cna vogliamo valorizzare e rilanciare la disponibilità e la tempra dei nostri artigiani e imprenditori – conclude Federica Maggiani,  Presidente Cna La Spezia -, facendone un appello ai coraggiosi, ai volenterosi, perché abbiamo l’onore di rappresentare donne e uomini liberi e forti”.

Leggi anche

Finbeta di Savona: a IB l’implementazione delle navi della sua flotta

Redazione

Cetera Yachts, un nuovo e innovativo sistema di layout

Fabio Iacolare

Maverick, la vela facile per tutte le stagioni

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.