Località di mare

Taranto, al via il progetto “Best Tag”, 4 mln per blue economy e sostenibilità

Taranto, al via il progetto “Best Tag”, 4 mln per blue economy e sostenibilità

Traccia un asse tra Italia e Tunisia il progetto “BEST TAGBlue Economy for the Sustainable Towns of Taranto And Gabes”, appena approvato dalla Commissione Europea con una dotazione finanziaria di ben 4 milioni di euro.

L’iniziativa rientra nel programma di partenariati per le città sostenibili varato da Bruxelles, ne saranno beneficiari il Comune di Taranto e Gabes, cittadina costiera della Tunisia tra i principali centri industriali del Paese, che avvieranno una serie di azioni congiunte che mira a stimolare la crescita comune della sostenibilità urbana attorno alla corretta gestione delle opportunità offerte dalla “blue economy” e dalla preservazione dell’ecosistema marittimo e costiero.

Taranto, al via il progetto “Best Tag”

«Questo progetto riprende e amplia i principi di sostenibilità e resilienza che abbiamo riversato in “Ecosistema Taranto” – le parole del sindaco Rinaldo Melucci –, offrendoci risorse utili per integrare i percorsi di valorizzazione dell’economia del mare che abbiamo già avviato. Confermiamo, in questo modo, l’appetibilità del territorio e la sua ritrovata vocazione internazionale: Taranto torna a essere riferimento per l’area del Mediterraneo e incubatrice di buone pratiche».



Complessivamente, con il progetto “BEST TAG” saranno avviate 18 azioni, raggruppate in obiettivi specifici, tra le quali spiccano quelle dedicate alla sostenibilità ambientale: la costruzione di una filiera di pesca eco-sostenibile, un incubatore a sostegno dei nuovi progetti d’impresa legati all’economia del mare, il monitoraggio ambientale urbano, un’agenzia per la promozione internazionale congiunta della cozza nera e del granchio blu e molto altro.

LEGGI ANCHE: Ferretti Yacht, un nuovo cantiere nautico presso l’ex Yard Belleli di Taranto

Il progetto è stato redatto dai tecnici dell’agenzia regionale ASSET, con la fattiva partecipazione dell’amministrazione Melucci e dei collaboratori dell’organizzazione internazionale CIHEAM che già operano in Tunisia. Il prossimo passo sarà armonizzare le varie azioni del progetto, che si dipanerà su due sponde opposte del Mediterraneo e che culminerà in un evento conclusivo, il “Forum internazionale dell’Economia del Mare”.

Leggi anche

Il Tesoretto di Rimigliano rientra al Museo archeologico di Piombino

Redazione

“La voce negli occhi”, successo per la proiezione in piazza Palestro a Catania

Fabio Iacolare

Turismo, Calabria: gli imprenditori chiedono di lavorare per l’ estate

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.