Località di mare

Napoli, sott’acqua tunnel e percorsi degli antichi coloni Greci

Tagliate nel tufo davanti l’isolotto di Megaride, a Castel dell’Ovo, a 4 metri di profondità, identificate strutture archeologiche realizzare dall’uomo, legate quasi certamente alla colonizzazione greca di Napoli: nell’area antistante via Parthenope si è rilevato un tracciato stradale tagliato nel tufo con ancora le tracce dei carri; un taglio semicircolare e un varco largo circa 36 m sempre intagliati nel tufo.

Leggi anche

Universiadi, a Piano di Sorrento la delegazione internazionale

Fabio Iacolare

Monopoli, pescatori guardiani degli squali con il progetto Safeshark

Fabio Iacolare

Studenti della Northeastern University di Boston per il ricordo della strage di Capaci

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.