Viaggi e stili di vita

Che ruolo hanno i social network, oggi, nelle nostre vite?

Che ruolo hanno i social network, oggi, nelle nostre vite?

 Che ruolo hanno i social network, oggi, nelle nostre vite? “Rete sociale”. Questa la traduzione, in italiano, di social network, una delle parole più famose e utilizzate degli ultimi decenni.

Da anni ormai protagonisti indiscussi della nostra quotidianità e di lunghi dibattiti sul loro utilizzo, sembrano oggi riscuotere sempre più successo. Gli italiani iscritti a queste “reti” sono infatti il 58% – il 6,4% in più rispetto al 2019 – con un picco di utenza tra i 25 e 34 anni e un tempo medio di utilizzo di circa 2 ore al giorno(fonti: GSMA Intelligence, Global Web Index, Q3 2019).

In questi giorni così particolari per il nostro Paese e più in generale per il mondo, i social network sembrano avere riacquistato il senso primordiale della loro essenza: creare una rete con valenza e utilità “sociale” in grado di generare “condivisione”.

È proprio questo quello che Wiko, brand franco-cinese di telefonia, è andato a indagare coinvolgendo la sua Instagram community con un sondaggio.

 Che ruolo hanno i social network, oggi, nelle nostre vite? Il 69% dei rispondenti alla survey di Wiko ha confermato il boom del momento e quindi un utilizzo dei social più frequente rispetto alla normalità, con una predilezione significativa per una fruizione tramite smartphone (95%) rispetto a PC o tablet (5%).

 Che ruolo hanno i social network, oggi, nelle nostre vite? La ragione di tutto ciò è semplice: essere sui social, oggi, fa sentire meno soli il 68% degli utenti.

Ecco allora che torna il significato alla base della loro creazione. Cionostante un buon 32% preferisce sfruttare questo tempo diversamente, facendo un po’ di digital detox per evitare di leggere troppe informazioni negative.

Considerati sia fonte di informazione che di intrattenimento, l’84% ha dichiarato di utilizzarli per intrattenersi, risposta dettata forse dalla necessità di svago particolarmente ricercata in questo momento.

Ad esempio, il 29% degli utenti sta seguendo dirette e allenamenti offerti dai diversi personal coach per tenersi in forma e combattere la sedentarietà, mentre solo il 7% ha deciso di approfittare del momento per imparare una nuova lingua.

Se da un lato ci si vuole intrattenere, dall’altro chi produce contenuti di questo genere utilizzando quindi i social in maniera attiva – ovvero creando qualcosa per gli altri – è solo il 16% degli utenti. L’84% preferisce scorrere tra post e stories degli altri, tra amici, influencer, artisti affermati e nuovi talenti.

Su una cosa gli utenti interrogati sono quasi tutti d’accordo (82%): per esorcizzare le paure, le angosce e le ansie del momento si può anche ironizzare con meme e GIF ad hoc, purché non si cada nel cattivo gusto.

Social e gap generazionale? Un mito da sfatare.  Che ruolo hanno i social network, oggi, nelle nostre vite? La tecnologia è sempre più democratica e alla portata di tutti, oggi più che mai, soprattutto a favore dei nostri cari e amati nonni.

Nonostante in questo momento non possiamo stare loro accanto come vorremmo il 36% dei rispondenti è riuscito ad abbracciare, seppur virtualmente, i propri nonni o a strappargli un sorriso o la preziosa ricetta di famiglia proprio grazie ai social.

nsomma, sembra che davvero i pro del loro utilizzo, in questa situazione, abbiano superato i contro.

Forse siamo entrati in una vera e propria epoca di “condivisione sociale” 4.0 in cui riusciamo ad azzerare le distanze e le paure anche grazie al nostro smartphone?

Leggi anche

Isole Cook, il paradiso per le nozze Covid Free tra Nuova Zelanda e Hawaii

Redazione

Ambiente: è coltivato in Italia il superfood che può salvarci dai cambiamenti climatici e dalla fame

Fabio Iacolare

Forest Bathing, ecco alcuni dei luoghi più suggestivi d’Italia in cui provarlo

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.