Località di mare Sapori dal Mare

Ostriche irlandesi: il sapore unico direttamente dall’Oceano Atlantico

ostriche irlandesi

Con i suoi 7.500 km di costa nel mezzo dell’Oceano Atlantico e i 12.000 km² di terreni che filtrano le piogge, l’Irlanda è uno dei luoghi ideali per la produzione di ostriche, il cui allevamento risale al XIII secolo, ma il loro consumo rappresenta una tradizione che si protrae da oltre 4000 anni.

Anche l’Italia si è presto accorta di quanto questo alimento sia prezioso, sia dal punto di vista nutrizionale che del gusto.

 E proprio i nostri connazionali si rivelano dei grandi appassionati di ostriche irlandesi, posizionando il Belpaese come il secondo mercato di importazione al mondo di questo prodotto. Secondo una recente stima di Bord Bia, l’ente governativo per la promozione del food & beverage irlandese nel mondo, circa il 20% del consumo annuale in Italia avviene nel periodo natalizio con un ulteriore picco intorno a San Valentino a febbraio. Il consumo estivo avviene principalmente attraverso la ristorazione, specialmente nelle località turistiche più alla moda, come la Sardegna.



Le ostriche e gli altri prodotti ittici sono estremamente importanti per l’economia irlandese, basti pensare che il loro valore di mercato è di oltre € 1 miliardo; di questi, circa €487 milioni provengono dalle esportazioni. I principali importatori sono Francia (23%), Italia (10%), Cina (9.2%) e Spagna (9%). Il settore dei crostacei, in particolare, ha avuto un importante incremento nelle esportazioni, che sono aumentate del 48%, per un valore di circa € 180 milioni.

Ostriche irlandesi, perché sono così pregiate?

Ma perché le ostriche irlandesi sono un alimento così pregiato? Innanzitutto grazie all’acqua dell’oceano dove vengono allevate: la corrente costante dell’Atlantico contribuisce a conferire loro una perfetta forma allungata e una conchiglia molto resistente, con uno smalto liscio dal colore bianco perlato. Non tutti sanno che il contenuto di carne all’interno di un’ostrica è influenzato dalla sua forma. Più profondo è il guscio, più spazio c’è per consentire lo sviluppo del mollusco.



Ma oltre che per l’aspetto, le ostriche irlandesi si riconoscono anche per il gusto ineguagliabile che rende ogni assaggio un’esperienza sensoriale unica al palato: il loro sapore ricco, immediatamente riconoscibile al palato, nasce dalla dolcezza e persistenza dello iodio, che si combinano ad un leggero tocco di note agrumate.

Le proprietà nutritive dell’ostrica

Altro aspetto da non sottovalutare è quello delle proprietà nutritive: questi preziosi molluschi, infatti, sono ricchi di proteine e povere di grassi, con livelli straordinariamente elevati di elementi quali iodio, ferro, rame, selenio e zinco. A ciò si aggiungono le condizioni incontaminate di allevamento che offre l’Irlanda, rendendo le ostriche irlandesi uno degli alimenti più naturali e puri che esistano.




Queste straordinarie qualità sono riconosciute a livello universale, unitamente alla qualità della performance ambientale fondata sui principi di acquacultura sostenibile. Infatti, quasi tutti i produttori di ostriche in Irlanda sono membri verificati di Origin Green, l’unico programma di sostenibilità al mondo che opera su scala nazionale. Grazie a verifiche indipendenti periodiche, Origin Green consente ai produttori irlandesi di stabilire e raggiungere obiettivi misurabili di sostenibilità, riducendo l’impatto ambientale, fornendo un servizio più efficace alle comunità locali e tutelando la straordinaria ricchezza delle risorse naturali che il nostro paese può vantare. Qui di seguito alcuni consigli su come conservare, preparare e gustare le ostriche irlandesi

Come conservare le ostriche Irlandesi

Quando si acquistano ostriche crude da mangiare a casa, bisogna conservale in frigo, nel loro guscio, tenendole al freddo il più possibile per mantenerle fresche. Il sapore è migliore se consumate entro 24 ore.

 Come prepararle:

  1. Coprire il palmo della mano con uno strofinaccio piegato. Porre il lato a coppa dell’ostrica nella mano, con il lato piatto rivolto verso l’alto.
  2. Tenendo saldamente con lo strofinaccio, inserire il coltello nella cerniera dell’ostrica e fare leva verso l’alto con una torsione.
  3. Far scorrere la lama lungo la parte inferiore del guscio per recidere il muscolo all’interno.
  4. Utilizzare il coltello per aprire la parte superiore, quindi recidere il muscolo sotto il quale l’ostrica si attacca alla base del guscio inferiore.

Come gustarle:

Le ostriche crude vanno servite aperte all’interno del guscio inferiore, con il loro succo. Vanno poi disposte su un letto di ghiaccio e accompagnate da un’abbondante spruzzata di limone o di Tabasco. In alternativa, le ostriche possono essere servite anche con la salsa Ponzu o una vinaigrette allo scalogno classica, chiamata salsa Mignonette.

Salsa Mignonette

  • 2 scalogni, pelati e finemente tritati
  • 60 ml di aceto di vino rosso
  • Pepe nero appena macinato

Mescolare lo scalogno e l’aceto di vino e condire con un po’ di pepe nero. Conservarlo al freddo fino a quando non si è pronti per servirlo con le ostriche.

Salsa Ponzu

  • 2 cucchiai di salsa di soia
  • 1 cucchiaino di succo di limone
  • 1 cucchiaino di succo di lime
  • 2 cucchiai di salsa di pesce
  • 1¼ cucchiaino di mirino
  • 1 cucchiaino di aceto di vino di riso
  • 1 scalogno, affettato finemente

Versare in una piccola ciotola tutti gli ingredienti, tranne lo scalogno. Mescolare il tutto con una frusta e assaggiare. Guarnire con lo scalogno affettato.

Leggi anche

La storia del nuovo Luxury Wellness Club di Viareggio è cominciata

Fabio Iacolare

Bacoli, domani riaprono le spiagge libere ma il comune cerca a chi affidarle

Redazione

Anzio e l’Impero: rassegna teatrale al Parco del vallo latino Volsco

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.