Viaggi e stili di vita

Natrue organizza a Sana 2019 la Conferenza sulla sostenibilità

L’evento – che si terrà sabato 7 settembre alle ore 11 – è dedicato ad approfondire le opportunità legate alla sostenibilità ambientale del settore della cosmesi naturale e biologica e i benefici del passaggio a un’economia circolare, con un focus su standard, certificazione e aspetti normativi.

NATRUE porta la sostenibilità ambientale e la tutela dell’autentica cosmesi naturale e biologica al centro della 31a edizione di Sana. Una doppia presenza quella dell’Associazione internazionale no profit fondata nel 2007 per tutelare e promuovere la vera cosmesi naturale e bio, che attende visitatori e ospiti nello spazio espositivo al Pad. 26 Stand C/23.

Per valorizzare il ruolo ambientale della cosmesi green, NATRUE ha deciso di organizzare il convegno dal titolo “Dalla lineare alla circolare: in che modo il settore della cosmesi naturale contribuisce a sostenere l’economia circolare”, che si terrà sabato 7 settembre dalle ore 11 alle 13, nella Sala Allegretto di BolognaFiere. Durante la conferenza si tratteranno tematiche di grande attualità come l’approvvigionamento sostenibile delle materie prime, standard e certificazioni di sostenibilità, materie plastiche e imballaggi dei prodotti cosmetici, con un focus sulle proposte e iniziative nell’ambito della strategia circolare biologica dell’economia dell’UE e il loro impatto sul settore della cosmesi naturale.

Attraverso approcci innovativi, i relatori analizzeranno le possibili soluzioni alle principali sfide legate alla sostenibilità presentando strategie e opportunità per raggiungere gli obiettivi comuni dell’industria cosmetica a livello europeo.

Aprirà i lavori Dr Hana Mušinović, Regulatory and Scientific Manager di NATRUE con un intervento che parte dal quesito “Materie plastiche e cosmetici naturali: riutilizzare o rifiutare?” per fornire un’analisi sull’utilizzo della plastica e degli imballaggi nei prodotti cosmetici soffermandosi sull’innovativo progetto di ricerca di nuove soluzioni sostenibili da risorse rinnovabili di cui NATRUE fa parte.

Il direttore del CCPB Fabrizio Piva tratterà della certificazione dei cosmetici biologici come di un’opportunità sostenibile, mentre Francesca Morgante, Market Development Manager Europe di RSPO, approfondirà il tema dell’Olio di palma sostenibile: una risorsa per l’industria cosmetica, spiegando il set dei criteri ambientali e sociali sviluppati da RSPO per produrre olio di palma minimizzando l’impatto delle coltivazioni sull’ambiente.

Seguirà l’esperienza di N&B Natural, azienda che dalla fondazione ha fatto della sostenibilità e responsabilità ambientale i propri asset distintivi come recita il payoff “People & Planet First”, raccontata dal presidente Domenico Scordari. Infine Silvia Fontana, Marketing Manager GALA Cosmetici, parlerà di Gala Accademy partendo da un duplice punto di vista: il ruolo della cosmesi naturale e della sostenibilità nell’orientare le preferenze di acquisto e viceversa le influenze nei processi produttivi delle scelte sempre più green e sostenibili dei consumatori.

“Il DNA al centro della cosmesi naturale riflette il rispetto e l’interazione tra le persone e l’ambiente. In anticipo sui tempi, i fondatori di NATRUE hanno visto i loro principi fondanti tradursi nei megatrend che guidano il consumo consapevole di oggi. Per soddisfare le future richieste di prodotti naturali, biologici, etici e sostenibili, dobbiamo innanzitutto pensare a come proteggere il mondo in cui viviamo. Per raggiungere il vero progresso attraverso un impatto positivo e rigenerativo, ognuno di noi deve concentrarsi sul principio olistico che quello che prendiamo influisce su ciò che produciamo e influenza di conseguenza quello che ne diventa”, ha dichiarato Dr Mark Smith, Direttore generale di NATRUE.

Con sede a Bruxelles, NATRUE (www.natrue.org) è l’Associazione Internazionale per la Cosmesi Naturale e Biologica. Dal 2007 promuove e protegge l’autentica cosmesi naturale e biologica. Ad oggi conta più di 60 aziende socie in circa 30 nazioni differenti. Il logo NATRUE permette di riconoscere immediatamente i prodotti che contengono un’elevata percentuale di ingredienti naturali. Lo standard definisce 13 categorie di prodotto, differenziando ad esempio creme, oli, shampoo e prodotti per l’igiene orale, in questo modo si può ottenere il massimo livello di naturalità tenendo conto della funzionalità del prodotto cosmetico. Rigorosi criteri e processi di certificazione indipendenti garantiscono il più alto grado di qualità della cosmesi naturale e biologica nell’interesse dei consumatori. Circa 270 marche e oltre 6200 prodotti hanno adottato il marchio NATRUE in tutto il mondo.

Leggi anche

Spiaggia di Santa Maria Mizata, la meta ideale per fare surf in El Salvador

Fabio Iacolare

Sandali capresi artigianali: il Made in Italy nella moda è ancora vivo

Fabio Iacolare

Diritti dei viaggiatori, il voucher obbligatorio fa naufragare tutte le tutele

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.