Località di mare

Sardegna, niente campo boa a Cala Luna

Sardegna, niente campo boa a Cala Luna

Sardegna, niente campo boa a Cala Luna: la Regione Sardegna ha detto no alle boe di ormeggio di imbarcazioni e natanti nella spiaggia di Cala Luna, tra Dorgali e Baunei, quindi non si farà nulla.

La Regione Sardegna attraverso l’assessore agli Enti Locali Quirico Sanna sospende in autotutela la procedura relativa all’istanza di concessione demaniale marittima presentata da una società nautica di Baunei.

Cala Luna, per la concessione serve condivisione fra Enti locali e Regione

Per l’esponente della Giunta Solinas, il tema è delicato, trattandosi di un’area marina protetta del golfo di Orosei, in più per la concessione serve la condivisione fra gli Enti locali e la Regione.

Esulta per lo stop la sindaca 5 stelle di Dorgali Maria Itria Fancello, che insieme ai consiglieri regionali del M5S si era duramente opposta al campo boe.

“Questa presa di posizione della Regione non può che renderci felici – spiega all’ANSA la prima cittadina – Stavamo predisponendo la risposta ai funzionari del demanio pubblico che ci avevano sollecitato in tal senso, e naturalmente quanto scriveremo non incoraggia al rilascio della concessione.

Ribadisco quanto già espresso nei giorni scorsi: uno specchio acqueo di 1.650 metri quadri di fronte alla spiaggia di Cala Luna, che ricade inequivocabilmente in territorio di Dorgali, non può essere concesso per la realizzazione di un campo boe.

Non è possibile procedere con la privatizzazione di un tratto di mare a beneficio di una società privata. Stiamo parlando di una perla, Cala Luna, destinata a diventare area marina protetta”.

La famosa spiaggia di Cala Luna

Sulla parte nord della spiaggia sono presenti 5 grotte in cui si può accedere a piedi.

Queste sono meta di arrampicata per i climber o rifugio per chi cerca un pò d’ombra nelle ore più calde della giornata.

Nella parte sud è situato il promontorio di “Su Masongiu” alla cui base è presente il pontile per l’attracco delle imbarcazioni.

La battigia ha origine fluviale e ogni anno la troverete un po diversa grazie alle mareggiate invernali e al materiale riportato dal rio Ilune, il fiume che scorre alle spalle di Cala Luna, che ritirandosi in primavera ripulisce e rigenera la spiaggia.

LEGGI ANCHE: Sardegna, il grido dei commercianti: “Riaprire o sarà la morte del settore”

Il fondale di Cala Luna è un misto di sabbia e ciottoli ed è dolcemente digradante nella metà a sud mentre in quella nord è mediamente digradante.

La profonda Codula di Ilune, (il canyon che giunge al suo termine in prossimità della spiaggia) è meta naturalistica di intensa bellezza per la presenza di una vegetazione rigogliosa nelle pareti strapiombanti della codula dove sono situate numerose grotte.

La spiaggia è raggiungibile a piedi partendo da Cala Fuili in due ore e dagli ovili di “Buchiarta” in un’ora di cammino.

Leggi anche

Venezia, riapre la Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro

Redazione

“La voce negli occhi”, successo per la proiezione in piazza Palestro a Catania

Fabio Iacolare

Ercolano, riapre dopo 30 anni la Casa del Bicentenario al Parco Archeologico

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.