Viaggi e stili di vita

Stop all’instagrammabilità: è il momento di essere autentici

Wiko ha voluto raccontare l’evoluzione estetica e culturale che sta attraversando i social

C’è chi ha parlato di una rivoluzione estetica, di un completo ribaltamento di ciò che aveva guidato, fino a poco fa, engagement e meccaniche di aumento follower. Quello che è certo è che gusti e tendenze cambiano e si evolvono nel tempo.

Oggi sui social media non si assiste più all’esaltazione della perfezione – la maggior parte delle volte artefatta – quanto alla celebrazione di un racconto reale, naturale e autentico, con tutte le sbavature e dovute imperfezioni del caso.

A fare da volano a questo importante cambio di rotta non sono stati i big influencer, ma i ragazzi della cosiddetta Generazione Z o Gen Z, coloro che, per semplificazione, rappresentano i nati tra il 1995 e il 2010.

Wiko, brand di telefonia da sempre attento ai nuovi trend, ai fenomeni di rottura, ai linguaggi più innovativi e alle forme di espressione dei giovani, ha scelto di raccontare questo “abbandono dell’instagrammabilità” proprio attraverso il coinvolgimento di quattro ragazzi italiani che hanno il loro seguito e le loro community, più contenute, ma genuine.

Un racconto social che si caratterizza proprio per lo staggarsi da certi canoni poco rappresentativi del loro mondo e delle loro storie.

Processed with VSCO with 4 preset

Gianmarco, ad esempio, ha terminato il Liceo Classico e si è appena iscritto all’Università, con la speranza di poter alternare con successo gli studi con la sua passione per la fotografia, soprattutto quella street e di reportage; Irene ama leggere, disegnare, adora Tarantino e la sua città di origine, Bologna, di cui conosce tutte le più tipiche espressioni e lo slang; Marco collabora come videomaker ai progetti dei suoi amici, alternando backstage a shooting di moda; Joy che, dalla provincia di Varese, ha scelto di spostarsi per gli studi a Milano dove frequenta con passione un corso in fashion styling.

Quello che Wiko ha delineato sono ritratti veri e spontanei di questi ragazzi, divisi tra ambizioni e insicurezze, ma uniti dal fattore comune della ricerca dell’autenticità.

La stessa autenticità che si ritrova nei loro post. Non c’è spazio per la finzione o per l’esibizione di qualcosa di costruito ad arte. Una ricerca estetica c’è, ma non è artefatta e racconta momenti reali.

Marco – rintracciabile su Instagram come @mazzi_driver – è in grado di alternare sapientemente foto e video, in un patchwork di racconti che non disdegna l’ironia e l’autoironia, Joy – su Instagram @joyfresquito – parla di sé, della sua passione per la moda, anche mettendoci la faccia, con un utilizzo forte e impattante del colore; Irene – nota come @dorm.ire – narra le sue giornate, i momenti con gli amici, la nightlife emiliana, lasciando spazio anche istantanee sfocate o immagini sovraesposte, senza dover rincorrere la soglia dei 50, 100, 1000 like. E poi c’è Gianmarco – che su Instagram risponde al nome di @gianmarcoyama – che ha fatto della capacità di cogliere il momento e l’essenza dei soggetti fotografati la sua cifra stilistica. E poco importa se nell’obiettivo capiti un noto rapper o uno sconosciuto pendolare addormentatosi su un sedile.

Processed with VSCO with 4 preset

Il futuro, che è già il presente dei social media, è qui. Quello che sta appassionando i più giovani – ma che sta attraendo anche i grandi nomi e gli influencer da milioni di follower – è la rappresentazione più autentica della realtà, passando attraverso momenti di vita vissuta, di quotidianità, tra situazioni comuni, buffe, perfino imperfette e disordinate.

Wiko ha voluto raccontarle e raccogliere i contributi di Gianmarco, Irene, Marco e Joy sul suo profilo Instagram (@wikoitalia), all’interno del filone narrativo #staggati, un progetto che il brand franco-cinese ha inaugurato con la Festa della Donna, proseguito con la Festa del Papà e con tanti altri momenti di celebrazione di tutte le “straordinarie normalità” di oggi.

Wiko SAS è stata fondata nel 2011 a Marsiglia in Francia. Oggi opera a livello globale ed è presente in più di 30 Paesi nel mondo, entrando nella Top 4 delle aziende di smartphone in Europa occidentale. Forte del suo successo nel mercato europeo, l’azienda è in crescita nel mercato internazionale in Asia, Africa, Medio Oriente e ora negli Stati Uniti. È membro di French Tech, un’agenzia governativa che promuove l’innovazione e la creazione digitale.

Wiko è parte di Tinno Mobile Technology Corp., l’innovativa azienda specializzata nello sviluppo e nella produzione di smartphone, fondata nel giugno 2005 a Shenzhen, in Cina. Il gruppo oggi ha 5 centri di ricerca e sviluppo e 2 siti di produzione che rappresentano 300.000 metri quadrati di area industriale. Tinno conta ora più di 5.000 dipendenti in tutto il mondo, con un fatturato annuo pari a circa 1 miliardo di euro.

Leggi anche

Festival ed eventi enogastronomici nella Food Valley di Destinazione Turistica Emilia

Fabio Iacolare

Cultura D’impresa 2020: 5 Modi Per Dare Priorita’ All’intelligenza Emotiva

Fabio Iacolare

La scampagnata di lusso in riva al Grande Fiume dell’Antica Corte Pallavicina

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.