Diporto Località di mare

Erasmo Silenzi, il maestro d’ascia rivive nella due giorni di Porto San Giorgio

erasmo slienzi

Due giornate dedicate alla vela e ai protagonisti di questo sport, campioni e artigiani come Erasmo Silenzi, talentuoso maestro d’ascia di Porto San Giorgio che con i suoi scafi ha contribuito a tradurre in realtà il sogno di indimenticabili vittorie per mare.

L’iniziativa, “La vela a Porto San Giorgio tra memoria, arte e pratica sportiva”, è promossa dall’Associazione Nautica Picena per sabato 7 e domenica 8 agosto alle ore 19.

La vela a Porto San Giorgio tra memoria, arte e pratica sportiva: il programma

La giornata di sabato è dedicata all’attività ultradecennale di promozione della vela svolta dalla stessa Associazione Nautica Picena e dalla Lega Navale di Porto San Giorgio.




Sono previsti gli interventi dell’avv. Fabrizio Emiliani, per la Ln, e di Luciano Gaucci, tra i soci fondatori dell’Asd Nautica Picena. Sarà presente anche Daniele Malavolta, presidente dell’associazione Nautica dilettantistica Liberi nel vento, il cui obiettivo è di promuovere lo sport della vela tra persone con varie disabilità fisiche, mentali e sensoriali. L’associazione e’ affiliata al Comitato Italiano Paralimpico e alla Fiv.

Conduce l’incontro Sergio Brunamontini, medico e appassionato di vela. Domenica verrà ricordato Erasmo Silenzi, storico e abilissimo costruttore di scafi, tanto da meritare l’appellativo di ‘Stradivari della Nautica’. Nato nel 1909, si racconta – nel sito a lui dedicato – che non ancora diciottenne costruì, nella soffitta di casa, un singolo da canottaggio da 5 metri, tanto che per farlo uscire si rese necessario farlo passare dall’abbaino sul tetto.

Erasmo Silenzi: il maestro d’ascia delle Ferrari del Mare

erasmo silenzi 2
Il maestro d’ascia Erasmo Silenzi

La sua carriera iniziò con i pattini a remi, che diventarono ben presto celebri nella cittadina balneare per la loro leggerezza e grande maneggevolezza.

Negli anni ’50 Erasmo Silenzi progettò e creò diversi motoscafi con motore fuoribordo e una grande varietà di imbarcazioni, tra cui due ‘canotti’ a 4 rematori e timoniere, lunghi 6 metri, per la Lega Navale, realizzati in fasciame sovrapposto chiodato (tecnica originale usata per i Dinghy).

Negli anni ’60 Silenzi si dedicò alla costruzione dei primi Flying Junior in legno lamellare, alcuni dei quali saranno venduti in Svezia e in Olanda.

LEGGI ANCHE. La brillante storia dei maestri d’ascia Odilo Simonit e Paolo Skabar

Negli anni ’70 prese a costruire i Flying Duchtman, le ‘Ferrari del mare‘. Molti equipaggi a livello nazionale gareggeranno con le barche Silenzi. Nel 1976 Carlo Croce partecipo’ alle Olimpiadi di Montreal-Kingston, in Canada, con una imbarcazione realizzata da Erasmo per lui.

silenzi barca
Un Flying Duchtman Silenzi (Dal sito fdstoriciitalia.wordpress.com)

Negli anni successivi continuo’ a perfezionare le tecnologie di costruzione, esplorando le tecnologie di materiali compositi, come legno-kevlar. Anche dopo essere andato in pensione, Silenzi non smise di apporre la sua ‘firma’ su pezzi unici: l’ultimo un FJ, l’Optimist creato appositamente per la nipote. E’ morto nel 2004. A ricordarlo, ci saranno Federico Radente, collaboratore storico di Erasmo, e il figlio Luigi. Per l’occasione, saranno esposte alcune imbarcazioni frutto della sua esperienza e ingegnosità: un Dinghy, un Flying Junior e un Flying Duchtman messi a disposizione dai rispettivi proprietari.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Corigliano d’Otranto, prove tecniche di distanziamento per festa patronale

Fabio Iacolare

Fincantieri, commesse fino al 2022 per il cantiere di Palermo

Fabio Iacolare

Violenza sulle donne: a Genova #100donnevestitedirosso, il flash mob contro i crimini sulle donne

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.