Diporto

Conclusa La Ottanta del Circolo Nautico Santa Margherita a Caorle

In ORC X2 vittoria di Demon-X, XTutti Selene Alifax. Tutti i vincitori di classe

Una splendida giornata primaverile, con cielo terso, mare calmo e un leggero “borino” intorno ai sette nodi, ha fatto da cornice alla partenza della quinta edizione de La Ottanta, organizzata dal Circolo Nautico Santa Margherita in collaborazione con Antal, Astra Yacht e Cantina Colli del Soligo.

Un’edizione affollata, con ottanta imbarcazioni iscritte, che si daranno battaglia lungo il percorso Caorle-Grado-Pirano (SLO), per il primo appuntamento di stagione del Trofeo Caorle X2 XTutti, che raggruppa le quattro regate offshore del sodalizio di Caorle.

Alla partenza, data regolarmente alle ore 10.00 di sabato 6 aprile dal Presidente del Comitato di Regata Davide dalla Rosa, il tratto di mare tra Porto Santa Margherita fino al cancello di disimpegno di fronte alla Chiesa della Madonna dell’Angelo, si è colorato di vele, entuasiasmo e sano agonismo.

Al primo passaggio di boa, nettamente in testa nella categoria XTutti con un buon passo l’X50 Victor-X di Vittorio Margherita, seguito da Dara 3, Sly 42 di Tiziano Bisetto Trevisin, Aurele, dal Millenium 40 di Piero Santin assente da qualche stagione, apparso in gran forma e Mr. Hyde, Jocker del forlivese Marco Rusticali.

A poche lunghezze, inseguivano Nixing, IMX40 di Giorgio Maddalena, Selene Alifax Swan 42 di Massimo De Campo con il bravo Albero Leghissa alla tattica, Columbia Solaris 36 di Natale Camerotto e Jack Sparrow di Franco Bressan.

Il primo passaggio della categoria X2 è stato quello della coppia padre-figlio Mauro e Giovanni Trevisan sul loro First 36.7 Hauraki, inseguiti dagli amici avversari di sempre, Demon-X di Nicola Borgatello/Silvio Sambo.

Nella categoria Multiscafi, primo al cancello Zanzare, Diam 24 di Stefano Beltrando.

Tra i Mini 650, ha preso il comando Antigua di Franco Deganutti con Walter Zugno, seguito da Pepper di Marco Balboni/Massimo Zerbinati e Satanas, il Proto di Cesare Bressan/Roberta Fazzana, che ha scelto una partenza più vicina alla costa.

Poco dopo il cancello di disimpegno all’altezza di Bibione, la flotta si è divisa a seconda delle caratteristiche delle imbarcazioni e timonieri e tattici si sono mossi alla ricerca del refolo più favorevole sulla rotta di Grado, per poi fare rotta verso la costa slovena.

Con l’arrivo di Mike di Vivi la Vela Caorle, timonata da Francesco Guidetti alle 14:18 si è conclusa l’edizione record de La Ottanta,.

Il passaggio nella bella baia di Pirano (SLO) per molti è stato determinante e il tragitto costiero entro le sei miglia ha consentito a tutti, anche agli scafi più piccoli e alle imbarcazioni amatoriali che difficilmente sono competitive nei bastoni, di assaggiare le emozioni dell’altura.

L’Adriatico come non mai ha rivelato il suo volto multiforme, regalando splendidi tramonti e albe multicolori ai partecipanti X2 e XTutti.

La Line Honour assoluta e XTutti è stata di Selene Alifax, Swan 42 di Massimo De Campo coadiuvato tra gli altri da Alberto Leghissa alla tattica e Alessandro Alberti e Tita Ballico, che ha tagliato il traguardo domenica 7 aprile alle ore 04:27.

Selene Alifax trionfa anche ai tempi compensati ORC, davanti a Black Angel di Paolo Striuli e Overwind di Andrea Grandi.

Line Honour X2 e vittoria assoluta ORCX2 ad una coppia che fa sempre parlare di sé: i bravi Silvio Sambo e Nicola Borgatello con il loro Demon-X, X35 sempre ottimizzato e competitivo, che hanno tagliato alle ore 07:43, quarti assoluti, davanti alla coppia padre-figlio Mauro e giovanni Trevisan su Hauraki e William B di Alessandro Bottecchia/Francesco Trevisan.

Ottima performance assoluta anche per Zanzare, Diam 24 con a bordo i piemontesi Stefano Beltrando, Miriam Cerutti e Ariberto Strobino, decimi assoluti al traguardo e primi della categoria Multiscafi davati a Playtime di Alessandro Ciscato/Davide Vicentini e Trimaiden dei tedeschi Helmut e Ushi Friedl.

Nei Mini 650, dopo il passaggio di Grado si è fatta sentire tutta la potenza del Proto Satanas con Cesare Bressan e Roberta Fazzana, che hanno preso il comando del gruppo e l’hanno mantenuto fino a tagliare il traguardo alle 09:31, vincendo davanti a Liska di Francesco Bertotti/Matteo Molinaro e Aquilante di Pierantonio Chiericato/Igli Salviato.

Gli arrivi si sono susseguiti dall’alba al pomeriggio, con il Comitato Organizzatore e il Comitato di Regata impegnati in mare ad accogliere le imbarcazioni e festeggiare il loro risultato con una bottiglia di prosecco Colli del Soligo, come da tradizione nelle regate offshore del Circolo Nautico Santa Margherita.

Nelle classi Libera, in Charlie vittoria per Luna per te dello Sporting Club Duevele con Andrea Boscolo alla tattica, secondi al traguardo alle 6:18, in classe Alfa XTutti si è imposto Victor-X di Vittorio Margherita, sempre nel gruppo di testa e terzo assoluto al traguardo, in classe Bravo vittoria tedesca per il gruppo capitanato da Philip Wacker su Tatana, nella Delta si è imposto invece il Bonin 31 Argentovivo 21 di Umberto Schiff.

Akanoè di Roberto Caramel si è imposto in classe Libera First 40.7 e tra i Giro 34 ha prevalso Papa di Giovanni Pajaro davanti a November e Rainbow del gruppo Vivi la Vela a Caorle.

L’edizione 2019 è stata caratterizzata da una partenza con un leggero “borino” alla partenza e qualche calo di vento lungo il percorso, con parecchi stop&go per la flotta. Dopo il passaggio nella bella baia di Pirano, la seconda parte della regata è stata caratterizzata da venti oscillanti da nord e nord-est, prevalentemente con brezze di terra e qualche inevitabile buco di vento, fino all’avvicinamento a Caorle nella mattinata, in cui il benefico “borino” ha soffiato nuovamente, accompagnando la flotta all’arrivo.

Il prossimo appuntamento con le regate offshore CNSM è con La Duecento Trofeo Paulaner, regata valida per l’assegnazione del titolo di “Campione Italiano Offshore” e per il “Trofeo Masserotti – Armatore dell’Anno Uvai”, che si svolgerà dal 3 al 5 maggio, in cui non mancheranno molti tra i protagonisti di questa La Ottanta 2019.

CLASSIFICHE PROVVISORIE:

XTUTTI

ORC: 1. Selene Alifax (Massimo De campo) 2. Black Angel (Paolo Striuli) 3. Overwind (Andrea Grandi)

LIBERA ALFA: 1. Victor-X (Vittorio Margherita)

LIBERA BRAVO: 1. Tatana (Philip Wacker) 2. Gran Pesto (Nicola Arezzo)

LIBERA CHARLIE: 1. Luna per te (Sporting Club Duevele) 2. Columbia (Natale Camerotto) 3. Le Pelican (Giorgio Migliorino)

LIBERA DELTA: 1. Argentovivo 21 (Umberto Schiff)

LIBERA FIRST 40.7: Arkanoè (Roberto Caramel) 2. Kala Nag (Race&Cruise) 3. Non Solo Vela (Non Solo Vela)

LIBERA GIRO 34: 1. Papa (Giovanni Pajaro) 2. November (Vivi la Vela Caorle) 3. Rainbow (Vivi la Vela Caorle)

LIBERA MULTISCAFI: 1. Zanzare (Stefano Beltrando) 2. Playtime (Ciscato-Vicentini) 3. Tri Maiden (Helmut e Uschi Freidl)

X2

ORC: 1. Demon-X (Nicola Borgatello/Silvio Sambo) 2. Hauraki (Mauro e Giovanni Trevisan) 3. William B (Alessandro Bottecchia/Francesco Trevisan)

LIBERA X2: 1. Che soddisfazione (Luigi Zennaro/Andrea Penzo) 2. Keira (Gianluca Caregnato/Carlo Ravetta) 3. Zut (Fabio Brussi/Michele Traldi)

LIBERA MINI: 1. Satanas (Cesare Bressan/Roberta Fazzana) 2. Liska (Francesco Bertotti/Matteo Molinaro) 3. Aquilante (Pierantonio Chiericato/Igli Salviato)

Leggi anche

Il lusso si traduce nella cura dei dettagli e nella ricerca delle materie prime

Fabio Iacolare

Monte Carlo Yachts svela il secondo dei tre modelli annunciati per il 2019: l’ MCY 66

Fabio Iacolare

Sanlorenzo omaggia Piero Dorazio ad Art Basel in Basel 2019

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.