Nautica

Al via “E-Job”,il progetto europeo per nuove professioni nello yachting italiano e francese

Il progetto è stato presentato a Viareggio dalla Provincia di Lucca e da Isyl Favorire le opportunità di lavoro nell’economia del mare con particolare riferimento allo yachting di bordo e a figure professionali innovative quali chef, stewart, comandanti e macchinisti. E’ l’obiettivo del neonato progetto E-JOB (Excellence Job On Board) finanziato e sviluppato in seno al programma comunitario “Interreg Marittimo” e che coinvolge, in Italia, la Toscana e in Francia, la regione Paca (Provenza – Alpi – Costa Azzurra).

Le due coste transfrontaliere ospitano i territori più importanti al mondo per le economie del settore nautico e yachting. L’Italia si distingue per la centralità dell’industria nautica e marittima e la complessa (e diffusa) supply-chain di indotto, mentre la Francia (in particolare la Costa Azzurra) vanta servizi portuali e di accoglienza di assoluta eccellenza riconosciuti in tutto il mondo. La flotta internazionale mostra come di fronte a un migliaio di grandi yacht adibiti a charter, ben il 74% opera nelle acque mediterranee, e in particolare il 59% nell’area tirrenica.

Appare necessario, dunque, prevedere il rafforzamento di profili professionali nautici di bordo e avviare un confronto tra domanda e offerta “creata” attraverso percorsi di formazione condivisi tra imprese e istituti tecnici/professionali che supporti una filiera prioritaria. E-JOB ha come obiettivo principale quello di contribuire a rafforzare la cooperazione transfrontaliera tra i territori italiani e francesi e rendere quest’area dell’alto Tirreno una zona competitiva, sostenibile e inclusiva nel panorama europeo e mediterraneo.

Nella fase sperimentale, in avvio a marzo 2020, saranno coinvolti oltre 100 studenti e almeno 5 istituti scolastici tra la provincia di Lucca e la città di Nizza – con scambi di delegazioni tra i due paesi -, con l’obiettivo di fornire agli studenti un quadro delle competenze richieste per queste figure e la possibilità di verificare sul campo le opportunità occupazionali legate a queste professioni sia in Italia che in Francia. La azioni che coinvolgeranno studenti, istituti e imprese del settore sono varie: dal rafforzamento linguistico e culturale per i ragazzi, allo scambio lavorativo secondo il modelle di alternanza scuola- lavoro, a incontri B2B e workshop con agenzie per il lavoro, organizzazioni, società di crew-recruitment sul tema dei nuovi mestieri del mare e delle opportunità di lavoro per i giovani.  

Capofila di E-JOB è la Provincia di Lucca, il partner di riferimento italiano sarà ISYL (Italian Superyacht Life), che raggruppa tre Istituti tecnici superiori (ISI Piaggia, Galilei–Artiglio e Marconi). Il versante francese è invece ben rappresentato dal prestigioso Lycée des metiérs hotellerie-tourisme di Nizza. Nella fase sperimentale, in avvio a marzo 2020, saranno coinvolti oltre 100 studenti e almeno 5 istituti scolastici tra la provincia di Lucca e Nizza – con delegazioni tra i due paesi – , con l’obiettivo di fornire agli studenti un quadro delle competenze richieste per queste figure, la possibilità di verificare su campo le opportunità occupazionali legate a queste professioni sia in Italia che in Francia.

Il progetto è stato presentato, giovedì 5 dicembre a Viareggio al Museo della Marineria “Alberto Gianni” alla presenza del Vicesindaco di Viareggio Valter Alberici. Sono intervenuti: Pietro Angelini direttore generale Navigo, Massimiliano Frazzetta comandante di super yacht, Monica Lazzaroni della Provincia di Lucca, Rossana Pacini, Lorenzo Isoppo e Nadia Lombardi, dirigenti degli istituti scolastici coinvolti.

Leggi anche

Oligarchi russi, gli yacht in fuga in direzione Maldive

Claudio Soffici

Young Azzurra pronta per la tappa finale della Youth Foiling Gold Cup

Redazione Sport

Il World O’Pen Skiff Championship 2023 fa il pieno di iscrizioni

Redazione Sport

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.