Nautica

Galata Museo del Mare di Genova riapre domani: tariffe agevolate per tutti

galata museo del mare di genova

Dopo diversi mesi di chiusura, domani il Galata Museo del Mare di Genova riapre i battenti, pronto ad accogliere visitatori di ogni età con tariffe agevolate e percorsi controllati

di Nicoletta Natoli

Da domani, giovedì 11 febbraio, torna visitabile il Galata Museo del Mare, il museo marittimo più importante e innovativo del Mediterraneo, nonché una delle strutture museali più visitate di tutta la Liguria.

Per garantire una riapertura nel totale rispetto delle norme anti-Covid19 e del distanziamento sociale durante la visita, il Museo ha predisposto un’apposita segnaletica sia all’esterno che all’ingresso, prevedendo un accesso contingentato e regolamentato dal personale di accoglienza.

Nella hall del Galata Museo del Mare e in ciascun piano del percorso per i visitatori sono disponibili dei dispenser con gel disinfettante. Vige l’obbligo di indossare in qualsiasi momento la mascherina durante la permanenza all’interno della struttura.

In questa prima fase di riapertura saranno visitabili regolarmente tutti i piani espositivi del Galata Museo del Mare, tranne la Sala della Tempesta, e il Sommergibile S-518 Nazario Sauro.

Orari di apertura e tariffe agevolate per tutti

In conformità con le norme dettate dal DPCM in vigore, il Galata Museo del Mare riaprirà esclusivamente il giovedì e il venerdì dalle 11 alle 18, con l’ultimo ingresso alle 17. Sono previste tariffe scontate per la visita combinata al Museo e al Sommergibile S518 Nazario Sauro e anche per la visita al solo Museo, acquistabili in biglietteria e online. Per evitare eventuali assembramenti, la direzione invita i visitatori a comprare i biglietti sul sito www.galatamuseodelmare.it.




Naturalmente, le indicazioni relative ai giorni e agli orari di apertura del Galata Museo del Mare si considerano valide soltanto se la Regione Liguria rimarrà in zona gialla, poiché potrebbero essere soggette a delle modifiche nel caso in cui entrassero in vigore nuove disposizioni governative.

L’attività virtuale del Galata Museo del Mare durante la pandemia

Per stare vicino ai suoi visitatori anche durante i vari periodi di chiusura imposti dalla pandemia da COVID-19, il Galata Museo del Mare ha avviato un percorso di trasformazione digitale, consentendo l’esplorazione delle sue sale tramite tre tour virtuali disponibili sul suo sito Internet.

Grazie a questi itinerari online è possibile approfondire attraverso testi descrittivi e filmati la storia dei dipinti e delle opere a tema marittimo, delle scoperte geografiche e della collezione cartografica.

Questa iniziativa è una dimostrazione dell’innovatività che contraddistingue il Galata Museo del Mare, e proseguirà in collaborazione con la Regione Liguria, con l’obiettivo di digitalizzare completamente l’immenso patrimonio museale.

Cenni storici, caratteristiche e dotazioni del Galata Museo del Mare

galata museo del mare di genovaInaugurato nel 2004, anno in cui Genova era la Capitale Europea della Cultura, il Galata Museo del Mare è il museo marittimo più grande, moderno e tecnologico di tutta l’area mediterranea, e racconta sei secoli di vita sul mare.

Incastonato in una costruzione di vetro e acciaio, realizzata dall’illustre architetto spagnolo Guillermo Vázquez Consuegra, occupa una superficie di 12.000 m² e ospita 4.300 oggetti originali all’interno di 31 sale espositive. L’edificio in cui si trova è il più antico della Darsena, e nel XVI secolo era l’Arsenale della Repubblica di Genova, dove si costruivano, si armavano e si varavano le galee.

LEGGI ANCHE: L’Oceanário di Lisbona, uno dei più grandi acquari al mondo

Il Galata Museo del Mare dispone di un patrimonio artistico e culturale che abbraccia l’intera storia della navigazione, ed è il posto perfetto per approfondire e riscoprire il secolare rapporto tra l’uomo e il mare. Visitando i vari piani, è possibile salire a bordo di una galea del ‘600 a grandezza naturale per scoprire la vita del suo equipaggio, rivivere l’immaginario del mare dentro una sala con dei mostri marini, fronteggiare una tempesta in 4D a bordo di una scialuppa, entrare in uno Yacht Club del XIX secolo, oppure pilotare una nave nel porto di Genova grazie a un simulatore.

L’Open Air Museum: il percorso espositivo all’aperto

Oltre alle terrazze Coeclerici e Mirador, che regalano meravigliose viste sul centro storico e sul porto di Genova, il Galata Museo del Mare dispone di un altro spazio a cielo aperto: l’Open Air Museum, in cui si fondono arte, archeologia industriale e patrimonio museale.

Più che mai apprezzabile in questo periodo di limitazioni imposte dalla pandemia da COVID-19, il percorso espositivo all’aperto consente di esplorare la storia dei cantieri navali e delle attività commerciali, cantieristiche e marittime che si portavano avanti negli spazi della Darsena.




Una parte integrante dell’Open Air Museum del Galata Museo del Mare è l’S518 Nazario Sauro, il sommergibile in acqua regolarmente visitabile anche in questa prima fase di riapertura al pubblico.

Significativo pezzo della storia militare italiana, questo battello appartiene ai mezzi navali utilizzati durante la Guerra Fredda per pattugliare le acque del Mar Mediterraneo. Salendo a bordo del sottomarino, i visitatori possono vivere un’esperienza molto istruttiva dal punto di vista storico e culturale, e conoscere da vicino le condizioni di vita dei marinai che ci lavoravano.

Grazie alla preziosa opera di digitalizzazione di cui abbiamo parlato, anche le persone con problemi di mobilità, come ad esempio i disabili o le donne in gravidanza, possono accedere virtualmente al Nazario Sauro tramite il percorso visualizzabile al terzo piano del museo.

Riteniamo che la voglia di tornare alla normalità dimostrata dal Galata Museo del Mare possa essere uno stimolo positivo per tutto il settore della cultura, e ci auguriamo che la sua riapertura sia solo la prima di una lunga serie.

Leggi anche

Meeting a Bruxelles tra i rappresentanti dello shipping e del mondo della finanza

Fabio Iacolare

Circolo Velico Sferracavallo: a Palermo torna la vela, tra i soci c’è Checco Bruni

Redazione

Gommoni Technohull, ecco i due nuovi modelli

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.