Diporto Nautica

Barche confiscate dallo Stato ospitano dieci ragazzi disabili

barche confiscate

Barche confiscate dallo Stato ospitano dieci disabili. Da mezzi di trasporto illecito della disperazione umana dei migranti nel Mediterraneo, a strumenti per l’inclusione e la socialità di ragazzi disabili. Dieci giovani diversamente abili in carrozzina, grazie al contributo del Movimento Cristiano Lavoratori di Catania e all’associazione l’Angelo Federico onlus, hanno fatto una traversata in mare, lungo il litorale roccioso, a bordo di imbarcazioni confiscate dallo Stato ai criminali del traffico di essere umani e date in utilizzo alla lega Navale di Catania.




Alla presenza del sindaco Salvo Pogliese e dell’assessore al mare Michele Cristaldi dal porto di Catania sono salpate le due barche a vela (una delle quali quando fu sequestrata aveva a bordo 97 migranti) coi dieci disabili in carrozzina e i due accompagnatori, per un’emozionante esperienza lungo la costa, dalla zona del porto della vecchia Dogana a Ognina e ritorno.

L’evento con i giri sulle barche confiscate per persone con disabilità, si è svolto alla vigilia della giornata nazionale del mare e ha interessato ragazzi ospitati nell’Oasi della Crescita –centro aggregativo villa Carlotta di Mascalucia- nell’ambito del progetto ”Un sorriso in mezzo al mare”, patrocinato dal Comune di Catania

LEGGI ANCHE: Che fine fanno le barche sequestrate usate per gli sbarchi dei clandestini?

Leggi anche

Ancora pareggio: Luna Rossa vs New Zealand 2 a 2

Redazione Sport

Evo Yachts, al Salone Nautico di Barcellona con due yacht di grande fascino

Fabio Iacolare

Riva 88’ Folgore: il nuovo oggetto del desiderio della nautica mondiale

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.