Diporto

A Stoccolma la sostenibilità di Arper

Arper ha partecipato alla 70esima edizione della Stockholm Furniture and Light Fair, presentando per la prima volta sul mercato scandinavo nuove collezioni realizzate a partire da materiali riciclati.

Il Dipartimento Ambientale Arper nasce nel 2005: un primo passo in un mondo in cui la sostenibilità si stava sempre più affermando come tematica di importanza cruciale per le nuove generazioni. Oggi l’obiettivo è quello di ridurre l’impatto ambientale causato dall’estrazione, manipolazione, produzione, logistica, utilizzo e riciclaggio dei materiali.

Claudio Feltrin, Presidente Arper, afferma: «Sostenibilità significa implementare nuovi modelli e comportamenti che rispettino il delicato equilibrio del pianeta e delle sue risorse vitali. Aziende sostenibili nascono da prodotti sostenibili e traggono linfa vitale da visioni e azioni sempre più ambiziose, da cambiamenti a livello organizzativo, da evoluzioni dei processi e da mutamenti culturali.».

Ove possibile, Arper integra nel processo produttivo nuovi metodi di riciclaggio per creare prodotti realizzati parzialmente con materiali riciclati. Le nuove collezioni ecostostenibili che Arper ha presentato a Stoccolma sono Juno e Duna02.

Juno Eco – Semplicità ed efficienza produttiva costituiscono i pilastri della sostenibilità. Juno Eco è una sedia in plastica realizzata a partire da un unico stampo. Dalle linee fluide e dal profilo sottile, è ottenuta al 70% da materiale plastico riciclato postindustriale. Juno Eco ha ottenuto le certificazioni Greenguard Gold e GECA.

Duna 02 Eco – Duna 02 Eco è composta da una scocca in plastica ecosostenibile ottenuta all’80% da materiale riciclato postindustriale e da 4 gambe in legno.  Duna 02 Eco ha ottenuto la certificazione Greenguard Gold.

Leggi anche

Alessandro Russo nuovo Marine Division Manager di Yamaha Marine Italia

Redazione

“Giorno di Genova e di Colombo”, la cerimonia a Palazzo Ducale

Fabio Iacolare

Waveless by CMC Marine accessorio di Design 2019 al Salone Nautico di Genova

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.