Nautica Sport

Vendée Globe: Fabrice Amedeo costretto al ritiro

vendee globe fabrice amedeo ritiro

Vendée Globe, dopo i danni annunciati ieri a uno dei computer di bordo Fabrice Amedeo si vede costretto al ritiro dalla regata.

Privato di un sistema informatico da ieri mattina, lo skipper di Newrest – Art & Fenêtres è salpato per il Sudafrica. “E ‘una decisione difficile da prendere”, confida quando si arrende per la prima volta in una gara importante.




Un concorrente in fondo, un appassionato marinaio, Fabrice Amedeo deve decidersi ad abbandonare il Vendée Globe. Da giovedì mattina, lo skipper di Newrest – Art & Fenêtres è stato privato dei suoi due computer. Solo il GPS di bordo gli permette di conoscere la sua posizione sull’oceano. “Le nostre barche foiling sono diaboliche con vento forte”, spiega Fabrice.

Voglio poter navigare secondo un principio che è sempre stato il mio: da bravo marinaio e avendo la sensazione di controllare la mia sicurezza e quella della mia barca . Il danno è avvenuto mentre era in ventunesima posizione con vento da 25 a 35 nodi e mare agitato. “È molto difficile da accettare”, ammette mentre ora si reca a Cape Town (Sud Africa).

Vendée Globe: Amedeo e il ritiro a malincuore

Fin dall’inizio, 33 giorni fa, Fabrice Amedeo ha mostrato abnegazione mentre i problemi si sono moltiplicati. Poche ore dopo il kick-off, l’8 novembre, lo skipper di Newrest – Art & Fenêtres ha  dovuto voltarsi a causa di un danno all’albero maestro . Fermato per due giorni a Sables-d’Olonne, ha potuto ripartire, portato da un’ondata di entusiasmo.




Allora niente è stato facile. Nonostante tutte le difficoltà incontrate sul percorso, Fabrice è rimasto ottimista in attesa di “ giorni migliori ”. Era riuscito a recuperare e prendere il comando di un gruppo di otto skipper. Il problema del computer interruppe improvvisamente i suoi progressi. Purtoppo oggi Fabrice Amedeo ha annunciato il ritiro dal Vendée Globe.

LEGGI ANCHE: Vendée Globe, per Fabrice Amedeo guai al secondo computer di bordo

Posizionato a 190 miglia dalla costa sudafricana, è attualmente in rotta verso Cape Town, che dovrebbe raggiungere sabato sera o domenica mattina. Il suo team tecnico si sta organizzando per unirsi a lui e fare le riparazioni necessarie per consentire Newrest – Art & Fenêtres per tornare in mare sani e salvi.




Poiché la barca è dotata di due sensori oceanografici ancora in funzione, la raccolta di dati preziosi per gli scienziati continuerà e consentirà una campagna di misurazioni durante un giro completo dell’Atlantico.

Le spiegazioni di Fabrice inviate alla sua squadra

” Cari amici. La mia barca sta andando bene. Ci siamo presi cura l’uno dell’altro e io ero riuscito a gestire un paio di probabilità e fine alla scuola superiore di Sant’Elena. La mia barca va bene, ma da ieri è cieca: a seguito di un nuovo problema al computer, non riesco più a scaricare i file meteo, calcolare la traiettoria ottimale, la più veloce possibile ma a volte anche la più saggia possibile. Di fronte a questo ostacolo irrimediabile sul mio cammino, due opzioni: fermare qui il mio Vendée Globe o continuare. È possibile continuare alla vecchia maniera, senza informazioni e attraversare così i mari del sud. Lasciati spingere dagli elementi per un mese verso Capo Horn. Ma le nostre barche foil sono diaboliche con vento forte e voglio poter navigare secondo un principio che è sempre stato il mio: da bravo marinaio e avendo la sensazione di controllare la mia sicurezza e quella della mia barca. Così ho deciso di fermare il mio Vendée Globe a Cape Town. È stata una decisione difficile da prendere ma di cui mi assumo la responsabilità. Sono molto infelice ma so che mi riprenderò. Ringrazio e penso moltissimo ai miei partner ai quali sognavo di offrire un arrivo a Les Sables d’Olonne, come una piccola luce alla fine del tunnel di quest’anno 2020 complicato per tutti. Rivolgo anche un enorme ringraziamento al mio team tecnico che ha fatto un ottimo lavoro. Il Vendée Globe racconta storie di vita e il fallimento è uno di questi. Digerirò questo fallimento che mi farà crescere e tornare più forte e solido. È stata una decisione difficile da prendere ma di cui mi assumo la responsabilità. Sono molto infelice ma so che mi riprenderò. Ringrazio e penso moltissimo ai miei partner ai quali sognavo di offrire un arrivo a Les Sables d’Olonne, come una piccola luce alla fine del tunnel di quest’anno 2020 complicato per tutti. Rivolgo anche un enorme ringraziamento al mio team tecnico che ha fatto un ottimo lavoro. Il Vendée Globe racconta storie di vita e il fallimento è uno di questi. Digerirò questo fallimento che mi farà crescere e tornare più forte e solido. È stata una decisione difficile da prendere ma di cui mi assumo la responsabilità. Sono molto infelice ma so che mi riprenderò. Ringrazio e penso moltissimo ai miei partner ai quali sognavo di offrire un arrivo a Les Sables d’Olonne, come una piccola luce alla fine del tunnel di quest’anno 2020 complicato per tutti. Rivolgo anche un enorme ringraziamento al mio team tecnico che ha fatto un ottimo lavoro. Il Vendée Globe racconta storie di vita e il fallimento è uno di questi. Digerirò questo fallimento che mi farà crescere e tornare più forte e solido. Rivolgo anche un enorme ringraziamento al mio team tecnico che ha fatto un ottimo lavoro. Il Vendée Globe racconta storie di vita e il fallimento è uno di questi. Digerirò questo fallimento che mi farà crescere e tornare più forte e solido. Rivolgo anche un enorme ringraziamento al mio team tecnico che ha fatto un ottimo lavoro. Il Vendée Globe racconta storie di vita e il fallimento è uno di questi. Digerirò questo fallimento che mi farà crescere e tornare più forte e solido. “

Leggi anche

Viareggio-Bastia-Viareggio, al via domani: presente l’Arca SGR di Furio Benussi

Claudio Soffici

Successo per il 31° Triathlon Internazionale del Lago di Caldaro

Fabio Iacolare

Coppa America, Luna Rossa e la voglia di rivincita in quel di Barcellona

Claudio Soffici

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.