Nautica

ECSA: “garantire senza ulteriori ritardi i cambi degli equipaggi nei porti UE”

ECSA: "garantire senza ulteriori ritardi i cambi degli equipaggi nei porti UE"

Oggi l’ECSA e la sua parte sociale, per garantire senza ulteriori ritardi i cambiamenti degli equipaggi nei porti UE. hanno invitato i ministri della sanità dell’UE a fornire assistenza nell’attuazione dei protocolli IMO.

In vista della videoconferenza dei Ministri della Sanità tenutasi oggi, le parti sociali europee per il trasporto marittimo, l’ECSA e l’ETF, hanno inviato una lettera congiunta per attirare l’attenzione sull’importanza di garantire che i marittimi possano unirsi e lasciare le loro navi con il minor numero possibile di impedimenti, al fine di continuare a trasportare le forniture essenziali e garantire la salute, la sicurezza e il benessere dei marittimi.

ECSA, ecco la situazione nei porti UE

In particolare, ECSA ed ETF hanno sottolineato il ruolo cruciale dei servizi sanitari nazionali nella protezione della salute dei marittimi in transito.

La lettera sottolinea l’enorme problema che molti marittimi affrontano non potendo lasciare le loro navi e tornare a casa a causa delle restrizioni di viaggio e  che l’assenza di strutture per ottenere i visti per entrare nell’area Schengen impedisce loro di unirsi alle loro navi. Pertanto, le parti sociali marittime hanno ribadito la loro richiesta a tutti gli Stati membri dell’UE di attuare senza indugio i protocolli e le linee guida dell’IMO per il cambio dell’equipaggio, al fine di garantire che i cambiamenti dell’equipaggio, l’assistenza medica e il congedo a terra per i marittimi avvengano nei loro porti.

“I ministri della sanità svolgono indubbiamente un ruolo centrale, insieme ai ministri dei trasporti e degli interni, negli sforzi nazionali per attuare i protocolli IMO negli Stati membri. Esortiamo vivamente i ministri della sanità dell’UE a cooperare con altri dipartimenti governativi nei loro Stati membri e in tutta l’Unione. Il movimento dei marittimi e i cambi dell’equipaggio nei loro porti devono essere facilitati in condizioni che salvaguardino la loro salute e minimizzino i rischi per loro dell’infezione da Covid-19 ”, ha commentato Martin Dorsman, segretario generale dell’ECSA.

LEGGI ANCHE: Settore trasporti per vie navigabili nell’UE, Prospettive future: ok dell’ECSA

“Chiediamo a tutti gli Stati membri dell’UE di dare l’esempio e di garantire che tutti gli Stati membri dell’UE attuino i protocolli IMO per garantire senza indugio ulteriori cambiamenti nell’equipaggio nei porti dell’UE e il rispetto dei diritti dei marittimi. Ulteriori ritardi avranno gravi conseguenze per la sicurezza e la salute fisica e mentale dei marittimi, oltre alla sicurezza delle operazioni navali e al funzionamento delle catene di approvvigionamento marittime globali ”, ha aggiunto Martin Dorsman.

Leggi anche

Albenga, Nicole Vio vince l’edizione 2019 di Miss Inverno

Fabio Iacolare

Vela, a Ostia riprendono gli allenamenti degli azzurri in vista di Tokyo 2020

Redazione

ECSA, ad Opatija, in Croazia la Conferenza ad Alto Livello dei Ministri dei Trasporti Europei

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.