Diporto Nautica

Sanlorenzo 57Steel: un nuovo concetto di vivibilità

Sanlorenzo 57Steel

Nel cantiere di La Spezia, Sanlorenzo avvia la costruzione della prima unità del superyacht 57Steel: un nuovo concetto di vivibilità.

Tempo, dedizione, know-how e un focus preciso: scardinare le regole consolidate nel mondo della nautica per creare yacht e superyacht capaci di esplorare nuovi concept di vivibilità a bordo, in relazione con l’evoluzione degli stili di vita degli armatori. Un’attitudine naturale per Sanlorenzo che viene consacrata con il nuovo 57Steel.

Sanlorenzo 57Steel: superyacht ibrido che guarda al futuro

Un superyacht che punta a diventare uno dei nuovi protagonisti della gamma Sanlorenzo, grazie anche alla possibilità di dotarlo di un sistema di motorizzazione ibrido diesel/elettrico, confermando la capacità dell’azienda di guardare sempre al futuro impegnandosi continuamente nello studio di soluzioni che possano ridurre l’impatto sull’ecosistema marino.




Sofisticato superyacht dalle linee contemporanee di estrema pulizia formale, caratteristica comune a tutte le linee Sanlorenzo, e caratterizzato dalla prua dritta, che gli conferisce un carattere importante e deciso, il nuovo 57Steel è un progetto ambizioso, frutto di un intenso percorso di sperimentazione tipologica portato avanti dal cantiere insieme allo Studio Zuccon International Project, che ha permesso di realizzare una barca di 56,70 metri di lunghezza con 5 ponti e una stazza di 1000 GT.

Volumi raddoppiati e spazi fuori dal comune

sanlorenzo 57steel 2Volumi straordinari, raddoppiati rispetto al 52Steel, che hanno permesso di proporre spazi indoor e outdoor decisamente fuori dal comune per un modello di queste dimensioni e contenuti funzionali inediti.

La principale sfida progettuale del 57Steel ha riguardato la ricerca del perfetto bilanciamento tra volumi e proporzioni, che caratterizzano fortemente questo modello, raggiunto attraverso l’ideazione di un innovativo layout che altera il tradizionale equilibrio di bordo: la zona della timoneria, normalmente a prua dell’upper deck, è stata ricollocata su di un ponte aggiuntivo – un vero e proprio bridge deck come nelle imbarcazioni più grandi – dando quindi la possibilità di utilizzare l’upper deck in un’ottica differente.




È qui che è stata collocata la cabina armatoriale, uno spazio di 54 mq che affaccia sull’ampissimo Owner Deck, un ponte privato da cui godere di una vista esclusiva sull’infinito del mare. Il nuovo layout ha permesso inoltre di creare, a prua del main deck, una spaziosa cabina vip a tutto baglio utilizzabile come una seconda cabina armatore.

LEGGI ANCHE: The Italian Sea Group inaugura l’Academy per la formazione

Evoluzione del 52Steel, il nuovo modello ne incorpora le caratteristiche vincenti, in particolare il design della zona di poppa dove la piscina dal fondo trasparente, sul main deck, permette il passaggio di luce nell’ambiente sottostante, una straordinaria beach area di 110 mq che si ricava dall’apertura dei portelli su tre lati e che diventano spiaggette sul filo dell’acqua, creando effetti cromatici sorprendenti.

Tra gli elementi innovativi del 57Steel, la scelta di collocare il garage a prua che ha permesso di ricavare un ampio spazio attrezzato per ospitare tender fino a 7,5 m e numerosi toys. Grazie a una strategica ripartizione degli spazi il layout permette inoltre di avere fino a sette cabine per gli ospiti e un ponte, sotto il lower deck, totalmente dedicato ai servizi come lavanderia, guardaroba, cella frigo.

Leggi anche

Luca Vallebona presenta il M/Y Gravity

Fabio Iacolare

Otam 65 ht, consegnato il nuovo one off che raggiunge i 60 nodi

Redazione

Garmin Marine Roma per 2: Line Honours per Kuka3

Redazione Sport

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.