Diporto Nautica

Dall’Europa al Giappone: la sfida delle barche elettriche del Trentino

barche elettriche trentino

Dopo aver conquistato mezza Europa, le barche elettriche del Trentino provano l’assalto al mercato giapponese. Le forniture per il Giappone, che  ha preso la decisione di introdurre barche elettriche e traghetti green per fare da collegamento tra le tante isole che la costellano, potrebbero essere affidate alla GardaSolar di Rovereto, azienda italiana che che partecipa alla gara indetta dal paese del Sol Levante.

Le barche elettriche del Trentino alla conquista del Giappone

La GardaSolar è nota in tutto il mondo perché fornisce le sue imbarcazioni elettriche non solo a privati ma anche ad attività turistiche, stabilimenti balneari ed aree marine protette: sono infatti approdate sul lago di Gérardmer in Francia, nel Regno Unito, in Irlanda, Germania, Svizzera, Austria e Portogallo e fino a Dubai.




L’azienda trentina non produce solo barche ecosostenibili ma anche kit di conversione elettrica per le barche, puntando quindi sulla e-mobility per servire il mercato fiorente ed in espansione in tutto il mondo delle strutture recettive e dei parchi tematici dove i visitatori desiderano sempre più l’assenza di rumore garantita dai motori elettrici, che permettono di godere al meglio la natura e di visitare luoghi incontaminati senza lo sgradevole odore degli idrocarburi.

GardaSolar e la filosofia della mobilità elettrica

La filosofia della mobilità sostenibile è merito dei due fondatori: Alessio Zanolli, artigiano edile ed Alberto Pozzo, ingegnere aereospaziale ambedue originari di Caprino Veronese. Nel 2010 nasce il primo modello di Gogo Boat, uno scafo a trimarano elettrico pensato per tagliare l’onda e ridurne l’impatto facilitando la navigazione e richiedendo anche minore energia per la trazione.

LEGGI ANCHE: Varato Arcadia A115 con pannelli solari: lo yacht attento all’ambiente

Oggi queste imbarcazioni sono di varie misure e sono dotate anche di pannelli solari che permettono un tempo di navigazione praticamente illimitato dato che non necessitano di colonnine di ricarica dedicate. Questo tipo di imbarcazione consente una navigazione ottimale anche in zone altrimenti precluse alle barche e permette inoltre ai dilettanti della nautica di navigare grazie ad uno joystick per il cui uso non è necessario avere una patente nautica. In seguito l’azienda trentina ha anche sviluppato un pedalò con pedalata assistita che, presentato a Birmingham alla fiera Holiday Park & Resort nel 2017, ora è venduto in tutto il mondo e recente è l’immissione nel mercato della Miniport, una barca elettrica per bambini.

Leggi anche

Majesty Yacht, due Superyacht debuttano al Palm Beach International Boat Show – Fotogallery

Fabio Iacolare

Il Moro di Venezia diventa un monumento alla Vela

Redazione

Apm Terminals, arriva il nuovo direttore risorse umane

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.