Sport

La 14th Monaco Classic Week prende il via con stile

Mercoledì 11 settembre 2019 – Serenata dalla banda militare navale francese – Musique des Equipage de la Flotte – il tono è stato fissato per la 14a Monaco Classic Week che ha celebrato l’amicizia monegasca americano alla fine di una giornata di sole che ha visto la maggior parte degli yacht classici fuori sull’acqua al largo di Cap d’Ail. Fino a domenica la YCM Marina e il Port Hercule di Monaco ospitano alcuni degli yacht più belli del mondo, il ruggito gutturale delle barche a motore classiche che seguono la scia di questi gaff rigaffer e gli sloop di Marconi, per non parlare di un’intera flotta di gommoni da 12 piedi, una classe olimpica nel 1920 e una gamma completa di classi metriche

Ottoni luccicanti e legno prezioso: 130 barche da ammirare sulle banchine e sull’acqua

La Monaco Classic Week è l’unico evento nel suo genere che invita sia le barche a vela classiche sia quelle a motore, con circa 130 barche in tutto, tra cui 73 yacht a vela e Rivas e Chris Craft.

Tutti sono qui per rilanciare il famoso spirito di amicizia “Art de Vivre la Mer” che esiste da oltre un secolo dalle coste del Mediterraneo al Nord Atlantico.

Manhattan Yacht Club e il bacio alla francese

Un tocco di storia, in cui il Manhattan Yacht Club, proprietario nel 1987 dell’America 2, lo yacht che fu battuto dai francesi nel quarto di finale dell’America’s Cup a Fremantle, in Australia, voleva navigare a Monaco sulla vincente 12M IR French Bacio, con Marc Pajot al timone. Michael Fortenbaugh, vice-commodoro dello Yacht Club di Manhattan, è lieto di questo scambio culturale a Monaco che con le sue stesse parole “ha lo yacht club più bello del mondo”.

Si noti che le Classi metriche costruite dopo l’introduzione del International Rating (IR) del 1906 sono qui in vigore: 6 M, 8 M, 12 M e, naturalmente, il 15 M che include l’emblematica Tuiga della YCM, che celebra quest’anno il suo 110 ° anniversario. La classe 12M sarà rappresentata da La Spina, un capolavoro del design italiano, e da French Kiss, appena fuori dal cantiere dopo alcuni lavori di restauro.

 E anche a vapore!

Un’altra icona, SS Delphine (1921), la nave a vapore di 79 m costruita per la moglie del magnate automobilistico Horace E. Dodge, fa un gradito ritorno. Fu a bordo di questa bellezza che tre leader mondiali, Stalin, Roosevelt e Churchill, negoziarono almeno parte dell’Accordo di Yalta del 1945.

La SS Delphine da 79 m è una nave a vapore costruita nel 1921 per Horace Dodge, co-fondatore del famoso marchio di automobili Dodge. Lanciato nel 1921 e intitolato alla figlia di Horace Dodge, di tutte le grandi navi a vapore costruite tra il 1893 e il 1930 SS Delphine è l’unica ancora in servizio nella sua configurazione originale, inclusi due motori a vapore.

Nel 1926, SS Delphine prese fuoco e affondò a New York, ma fu recuperata e restaurata a New York. Durante la seconda guerra mondiale, la nave fu requisita dalla Marina degli Stati Uniti nel 1942 e ribattezzata USS Dauntless, servendo come ammiraglia per l’ammiraglio Ernest J. King, comandante in capo delle operazioni navali.

Schooner of the Year Trophy Act 2!

La International Schooner Association ha scelto Monaco, dopo Capri, per la seconda tappa della sua nuovissima serie Schooner Cup. Una dozzina di golette, tra cui Invader (1905), Puritan (1930) ed Elena di Londra 2009 (replica del 1910), sono qui per competere nel Trofeo Schooner of the Year. Mariette, (Herreshoff 1915) è stata la vincitrice a Capri davanti a Naema, lo spirito del 2006 di Mylne ora determinato a vincere questo Act 2 a Monaco.

Monaco Classic Week Village aperto al pubblico

Situato sul Quai de l’Hirondelle, nel cuore della Marina YCM, il villaggio della settimana classica di Monaco è aperto a tutti dalle 9:00 alle 21:00. Circa 20 espositori sono tutti collegati a yacht classici: cantieri navali, artigiani, pittori marini, scultori e fotografi. Per i posti in prima fila, i membri YCM possono seguire le corse dall’area della piscina (deck 2) e dal deck regata (deck 6).

Domani: chef a bordo!

In linea con la filosofia del Club Art de Vivre la Mer, la competizione Chef è aperta ai membri dell’equipaggio (chef professionisti o meno) di tutti i tipi di imbarcazione, un’opportunità per dimostrare la loro creatività per produrre piatti da un determinato numero di ingredienti abbinati allo champagne . I piatti devono essere preparati a bordo e poi presentati in banchina a una giuria di grandi chef.

Programma provvisorio (soggetto a modifiche)

Giovedì 12 settembre

9.00-18.00 Ispezione degli yacht da parte della giuria “La Belle Classe Restoration”

9.00-10.00 Concorso Chef (distribuzione degli ingredienti sulle banchine)

Ore 11.00 Gare di classe metrica (6 M IR / 8 M IR / 12 M IR / 15 M – IR)

11.00 regate di yacht classici (valutazione CIM)

11.00 Sfida di regolarità per barche a motore

12.30 Pic-nic in mare per barche a motore

17.00-19.00 Concorso Chef (presentazione dei piatti in banchina)

Venerdì 13 settembre

9.00-18.00 Ispezione degli yacht da parte della giuria “La Belle Classe Restoration”

11.00 Classi metriche e gare di classe 12 ‘Dinghy

11.00 regate di yacht classici (valutazione CIM)

11.00 Sfida di manovrabilità per barche a motore

Sabato 14 settembre

9.00-18.00 Ispezione degli yacht da parte della giuria “La Belle Classe“

10.00 Parata dell’eleganza per lo yacht classico

11.00 Classi metriche e gare di classe 12 ‘Dinghy

11.00 regate di yacht classici (valutazione CIM)

14.30 Sfilata di eleganza per barche a motore e yacht classici

Domenica 15 settembre

Ore 12.00 Premiazione (su invito)

Leggi anche

Annullate a Lecco le regate Snow Cup e Campionato Ilorc del Lario

Redazione Sport

Avvicinamento alla Viareggio Bastia Viareggio: barche a caccia del record

Claudio Soffici

La scuola vela del Circolo Sferracavallo tra le migliori d’Italia

Redazione Sport

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.