Nautica Sport

Nastro Rosa Veloce: dopo Amalfi, Team Urban Value punta verso nord

Team Urban Value Amalfi

Marina Militare Nastro Rosa Veloce-Fincantieri Cup, Team Urban Value ha passato Amalfi in prima posizione: adesso punta verso nord, direzione Pisa.

Giornata interlocutoria la settima trascorsa in mare dai protagonisti del Marina Militare Nastro Rosa Veloce-Fincantieri Cup, la regata no-stop più lunga del Mediterraneo organizzata da Difesa Servizi S.p.A., SSI Events in collaborazione con la Marina Militare.

Team Urban Value verso il gate di Pisa

Dopo aver attraversato il basso Tirreno con un paio di bordi utili a mediare tra oscillazioni della brezza e avvicinamento al Golfo di Napoli, Team Urban Value (Sophie Faguet-Pierre Leboucher) ha lasciato alle spalle il gate di Amalfi e si appresta a rientrare nel flusso d’aria da sud-sudest che, intensificandosi nel corso delle prossime ore, dovrebbe accompagnarli fino al gate di Pisa prima e al traguardo di Genova poi. Secondo i modelli, Faguet-Leboucher, al comando sin dal via, potrebbero tagliare il traguardo nelle prime ore di martedì, comunque in giornata.




Attardati, 58 miglia a sud di Capri, Team Venezia Salone Nautico (Cecilia Zorzi-Alessandro Torresani) e Team Softway (Pam Lee-Andrea Fornaro) si marcano stretti in una moderata brezza da sud-est. Dal momento del riavvicinamento, Zorzi-Torrsani sembrano resistere al ritorno di Lee-Fornaro, ma il distacco di appena 3 miglia tra i due Beneteau Figaro 3 impone la costante ricerca della massima performance a entrambi gli equipaggi.

Il resto della flotta

130 miglia più indietro, al traverso di Mazara del Vallo, Team ENIT (Irene Bezzi-Pietro D’Alì) ha completato la rimonta iniziata alcuni giorni fa passando dall’ottava alla quarta posizione: miglioramento non da poco anche in ottica “prize pool”. Lo seguono a vista Marina Militare (Elisabetta Maffei-Federico Piani) e Team Acone (Catherine Hunt-Alexis Thomas), l’unico tra i tre ad aver scelto una rotta al largo di Sciacca.




Da poco oltre Licata, Team Sanfer (Maggie Adamson-Matteo Ichino) tenta di recuperare terreno dopo aver a lungo difeso la quarta posizione, mentre sono in vista del gate siciliano Genova TOR (Dominique Knuppel-Guillerno Altadill) e Aeronautica Militare (Margherita Digrazia-Giancarlo Simeoli).

Le ultime 24 ore sono state positive per Team Fratelli Visconti (Lisa Berger-Alex Laline): il fanalino di coda della flotta, a 260 miglia dal battistrada, ha recuperato terreno sui diretti avversari, ora distanti una ventina di miglia.

Il progetto Valore Paese – Fari di Difesa Servizi S.p.A.

Gli equipaggi del Marina Militare Nastro Rosa Veloce stanno realizzando il periplo dell’Italia, per promuovere la vocazione velica della Marina Militare e per sostenere il progetto Valore Paese Italia e la valorizzazione dei Fari e degli edifici costieri. Valore Paese – Fari è un’iniziativa promossa per la prima volta nel 2015 dall’Agenzia del Demanio e dal Ministero della Difesa, tramite Difesa Servizi S.p.A., insieme al MiC, e all’Enit – Agenzia Nazionale del Turismo per proporre al mercato fari di proprietà dello Stato e beni della Difesa mediante lo strumento della concessione di valorizzazione secondo un modello di lighthouse accommodation, rispettoso del paesaggio e in linea con le identità territoriali e con la salvaguardia dell’ecosistema ambientale. L’obiettivo è quello di dar vita anche in Italia, come già accade in altri paesi, ad un circuito che consenta di sviluppare una forma di turismo sostenibile, legato alla cultura dell’ambiente e del mare, anche in ottica di cooperazione tra i paesi del Mediterraneo. Scopo principale del percorso di valorizzazione è recuperare i beni e renderli fruibili alla cittadinanza, avviarli a rigenerazione contribuendo ad attivare lo sviluppo economico e sociale dei territori.

LEGGI ANCHE: Transat Jacques Vabre: dopo sei giorni di regata Pedote è settimo

In coerenza con i principi dell’iniziativa, i beni potranno accogliere attività turistiche, ricettive, ristorative, ricreative, didattiche, promozionali, insieme ad iniziative ed eventi di tipo culturale, sociale, sportivo e per la scoperta del territorio. L’accoglienza turistica andrà dunque intesa non solo come ricettività ma anche in relazione ad attività di natura socio-culturale aperte al pubblico, di scoperta del territorio e di promozione dei prodotti locali.




Attraverso un turismo responsabile, sostenibile e di qualità, possono essere sviluppate diverse attività a sostegno della conoscenza e della salvaguardia ambientale. In aree di particolare interesse naturalistico, è possibile immaginare azioni per la tutela dell’ecosistema, la scoperta del territorio e lo sport nella natura (escursionismo, attività subacquee, etc.), che possono essere associate alla ricerca, alla produzione di energia ecosostenibile, alla tutela delle risorse naturali, del patrimonio e alla didattica correlata.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Tokyo, cambia la classifica: Mattia Camboni adesso è primo

Redazione Sport

44° Campionato Invernale Golfo del Tigullio: week end nelle acque del golfo Marconi

Fabio Iacolare

Zero Plastica in Mare, fino a domani la raccolta su Tevere e Aniene

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.