Diporto Nautica

Oligarchi russi, gli yacht nel mirino dei Paesi Europei

oligarchi russi

Dopo venti giorni dall’inizio della Guerra in Ucraina, tra negoziati di pace che avanzano affannosamente e la minaccia rappresentata dalle sanzioni, non si ferma, in Europa, la caccia agli oligarchi russi.

La fuga degli uomini del Cremlino, da Melnichenko ad Abramovich

I loro beni, tra cui rientrano anche yacht super lussuosi, sono gli obiettivi privilegiati, come il caso del Sailing Yacht A, dell’imprenditore Andrey Igorevich Melnichenko. Un’imbarcazione prepotente con i suoi 143 metri di lunghezza e un valore di 530 milioni di euro, che è stata sottoposta ad un congelamento amministrativo nel porto di Trieste, dove si trovava in manutenzione. Sailing Yacht A è l’imbarcazione a vela più grande al mondo, nonché la più costosa, ed è registrata presso una società delle Bermuda, nonostante la proprietà sia riconducibile indirettamente a Melnichenko. Il magnate russo è il principale azionista del gruppo EuroChem, che produce fertilizzanti, e della società di energia del carbone Suek, e per questo motivo è stato inserito, nei giorni scorsi, nella black list dell’Unione Europea.




Anche in Spagna non si ferma la caccia agli oligarchi russi. Come fa sapere Ansa, 5 sono gli osservati speciali inseriti nella lista dei sanzionati, sulle cui attività sono in corso degli accertamenti. Tra questi compaiono figure come Michail Fridman e Sergej Chemezov. Le autorità spagnole hanno fatto sapere che già due yacht sono stati sequestrati in quanto riconducibili a proprietari russi. Tra questi rientra Mezzaluna, megayacht la cui proprietà risalirebbe a Igor Sechin, Ceo del colosso petrolifero Rosneft. L’imbarcazione, dal valore di 550 milioni di dollari e dalla lunghezza di 135 metri, batte bandiera delle Isole Caiman ed era attraccata nel porto di Tarragona, come riportato dal Ministero dei Trasporti Spagnolo. Con la fine della guerra che sembra ancora utopia, non è assurdo pensare che la lista di imbarcazioni di lusso sequestrate possa continuare a salire.

LEGGI ANCHE: Campionato Invernale di vela di Catania, ecco i vincitori

A questa caccia cerca di sfuggire in tutti i modi Roman Abramovich, ex proprietario del Chelsea, club di Premier League inglese finito dalle stelle alle stalle, con i giocatori passati dal titolo di “Campioni d’Europa” a quello di “Bankrupt Boys”, come sono stati ribattezzati in maniera ironica. Abramovich, oligarca molto vicino al Cremlino e a Putin, sembra essere riuscito, per ora, a salvare gli yacht dal cappio delle sanzioni. L’Eclipse e il My Solaris, infatti, sono stati visti a Porto Montenegro, paradiso dello yachting nel Mediterraneo: non solo Abramovich, quindi, sembra aver trovato riparo ai suoi gioielli in un luogo dove le sanzioni non sono ancora state applicate ma, ironicamente, sembra esserci riuscito proprio nel cuore dell’Europa.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

 

 

Leggi anche

New Zealand aspetta la America’s Cup e intanto punta il record di velocità

Claudio Soffici

Andrea Razeto il nuovo Presidente Piccola Industria Confindustria Genova

Fabio Iacolare

La storia del mare: il brigantino goletta Angiolina

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.