Nautica News dal mare

Pangeos, il terayacht a forma di tartaruga grande il doppio del Colosseo

pangeos

Lo studio del designer e imprenditore laziale Pierpaolo Lazzarini ha presentato il progetto del nuovo superyacht, o per meglio dire terayacht, dal nome Pangeos, che riprende il nome dal supercontinente risalente al Paleozoico e al Mesozoico: la Pangea.

Il concept molto ambizioso ci mostra come dovrebbe essere la più grande struttura galleggiante mai costruita: questa, infatti, prevede di toccare i 550 metri di lunghezza e 610 metri nel suo punto più largo, secondo quanto riportato dall’azienda italiana.




Pangeos, 8 miliardi per realizzare il terayacht a 0 emissioni

Una vera e propria città galleggiante grande il doppio del Colosseo, che grazie agli alberghi, centri commerciali, parchi, porti navali e aerei può ospitare fino a 60.000 mila persone.

Con i suoi 30 metri di pescaggio, questo scafo gigantesco è composto da nove diverse prue e si divide in più blocchi. Si parte dall’ingresso dell’area portuale nella piazza principale: quest’ultima si sviluppa in un’ampia area che conduce a case private, edifici e terrazze sul tetto, con una zona a conchiglia superiore che permette l’atterraggio di veicoli.

pangeos 2

Nello spazio inferiore, il team di progettazione ha collocato 30.000 celle o compartimenti a grappolo, offrendo una soluzione inaffondabile per il basamento, che dovrebbe essere principalmente in acciaio. Pangeos viene dotato di 9 motori HTS. Ogni motore è 100% elettrico e grazie all’alimentazione da varie fonti di energia interne può sprigionare fino a 16.800 CV. Il terayacht sarà in grado di raggiungere una velocità di 5 nodi: durante la navigazione le ali genereranno energia dalla decedelerazione delle onde, permettendo così a Pangeos di solcare i mari della Terra a zero emissioni. A questo si aggiungono, nell’area del tetto, i pannelli solari che forniranno altra energia pulita.

LEGGI ANCHE: Presentato a Barcellona il nuovo logo per l’America’s Cup 2024

Ancora difficile stabilire se Pangeos riuscirà mai a navigare. Mentre il terayacht è, al momento, soltanto un progetto, Pierpaolo Lazzarini spera che presto diventi realtà. Per la sua realizzazione, tuttavia, saranno necessari 8 miliardi di dollari, con una tempistica di circa otto anni: a questo proposito, il designer ha lanciato un’iniziativa di crowdfounding sulla pagina del terayacht.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Vele Storiche Viareggio, i vincitori della XVI edizione

Redazione Sport

LP Design presenta l’Explorer Commodore 57

Redazione

Nodo parlato: a cosa serve e come si fa? Parola all’esperto

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.