News dal mare

Plastic Free, protocollo d’intesa tra CONI e Ministero dell’Ambiente

Firmato un protocollo d’intesa tra il CONI e il ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare per quanto riguarda la “sensibilizzazione sulle tematiche ambientali legate allo sviluppo sostenibile” che avrà come scopo trovare le risorse necessarie per la lotta all’uso della plastica e della formazione di atleti e dipendenti sullo sviluppo sostenibile in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030, nuovi eventi concepiti green-friendly.

Alla firma del protocollo d’intesa c’erano il numero uno del Comitato olimpico nazionale italiano Giovanni Malagò, l’ad di Sport e Salute Alberto Miglietta e il ministro dell’Ambiente Sergio Costa.

“Questo protocollo è estremamente importante – ha sottolineato il presidente del CONI Malagò – tutte le persone che fanno parte del nostro mondo sono attente a questo tema e ognuno si sta attrezzando: sport e ambiente non corrono neanche su binari paralleli ma sono mondi sovrapposti. Lasciamo a chi verrà dopo di noi un meraviglioso protocollo”.

Dopo aver ricordato la sua svolta “plastic-free” il ministro Costa ha sottolineato: “Per me è un giorno importante, quasi storico. Questo protocollo ha dentro tanta sostanza, è stato costruito in vari mesi: noi come ministero ci abbiamo messo know how e saremo gli assistenti tecnici del CONI. Ci crediamo fino in fondo. Il protocollo apre una porta sul tema ambientale in maniera completamente diversa. Non è solo la formazione, c’è anche un modo di gestire lo sport che cambierà. Si parla di acquistare verde, di come organizzare le manifestazioni. Oggi la considero una porta verde che si sta aprendo, e lo sport è il veicolo migliore per trasmettere questo messaggio a tutto il Paese grazie alla sua voglia di partecipare”.

A entrare nel dettaglio del protocollo è stato Alberto Miglietta secondo il quale “sono tre le colonne fondamentali: sinergia tra tutte le strutture per mettere insieme a disposizione tutte le capacità dei soggetti coinvolti, cultura delle iniziative ambientali che il Coni ha già dimostrato di aver assimilato, e pratica con un’attenzione particolare ai giovani”.

Leggi anche

Sassari, parte il progetto per l’Ecomuseo del mare e dell’acqua

Fabio Iacolare

Capodoglio spiaggiato in Sicilia, Greenpeace: “nel suo stomaco 22 kg di plastica”

Fabio Iacolare

Area Marina Protetta di Capo Carbonara, on line manuale di buone pratiche

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.