Diporto Nautica

Sfruttare la stagione invernale per uscire in barca: come farlo in sicurezza?

barca in inverno

La stagione invernale, per quanto nel nostro Paese sia mitigata grazie alla relativa tranquillità del Mar Mediterraneo, è un periodo che viene solitamente considerato di riposo e non particolarmente idoneo per la navigazione. Niente di più sbagliato! Sfruttare la barca anche nei mesi invernali è un toccasana per la mente ed il corpo, grazie alla brezza marina che si respira soprattutto in quelle giornate più soleggiate e con il mare che non minaccia burrasca.

Uscire in barca durante l’inverno 2021: è possibile farlo?

Ci troviamo, comunque, in un periodo storico nel quale non è possibile ancora muoversi a nostro piacimento, di conseguenza anche per uscire in barca in queste settimane è necessario considerare quanto stabilito dall’ultimo DPCM, valido fino al prossimo 5 Marzo 2021.

Per il momento non è possibile spostarsi tra regioni, anche se di colorazione gialla, per via delle restrizioni alla mobilità. Ma ci sono delle possibilità per andare imn barca senza alcun problema. Secondo quanto stabilito dal Decreto, infatti, nelle regioni classificate zone gialle, è possibile spostarsi anche oltre quello che è il nostro Comune di residenza per poter raggiungere e salpare con la nostra imbarcazione. Mentre invece le restrizioni riguardano le zone arancioni (è possibile spostarsi ma all’interno del comune di residenza) e le regioni rosse (vietata la nautica da diporto).

Navigare in inverno: i vantaggi da considerare per farlo anche durante la stagione fredda

Dato che abbiamo modo di raggiungere la nostra barca, vien da chiedersi quali siano gli aspetti che dovrebbero farci “scomodare” per il suo utilizzo anche in questi mesi più freddi. A noi ne vengono in mente alcuni che elenchiamo di seguito:

  • barca è sinonimo di libertà e quanto abbiamo bisogno di sentirci liberi, soprattutto in un periodo come questo? In barca si ha sempre la sensazione di non avere confini e di poter recuperare il tempo perso tra le quattro mura di casa;
  • barca in inverno equivale anche a non avere a che fare con la confusione generata dal turismo estivo. I porti in questo periodo sono sicuramente accessibili, non solo per spazi ma anche per tariffe di sosta, sicuramente molto più basse rispetto al periodo di Luglio-Agosto. Sappiamo bene quanto possa essere stressante uscire in barca e ritrovarsi a ridosso di una bella spiaggia o di una caletta con quella sensazione di congestione tipica dell’ora di punta in autostrada;
  • Il meteo, nonostante possa essere perturbato, risulta essere anche più stabile rispetto al periodo estivo, quando i temporali di calore arrivano molto velocemente e con una certa imprevedibilità. Le condizioni meteo invernali comportano sicuramente una maggiore irrequietezza, ma sono più facilmente prevedibili e controllabili!

barca in inverno 2Forse la problematica più fastidiosa risulta essere il freddo. Spesso andare in barca è sinonimo di bella stagione, di caldo estivo e di splendide serate ormeggiati al chiaro di luna con la brezzolina rinfrescante del mare.

Ebbene, nonostante questo sia vero per molti, va anche detto che rinunciare ad una gita in barca in inverno solo per la mancanza di questi elementi è quanto di più sbagliato ci possa essere.

Se la problematica è il freddo, un corretto abbigliamento (che comunque nella maggior parte dei casi può coincidere anche con quello che usiamo in città) può consentirci di non avere particolari problemi e di goderci la gita in mare aperto al meglio:

  • guanti, calzettoni e berretti di lana non devono mai mancare, in quanto le estremità sono sempre quelle più difficili da riscaldare;
  • maglie termiche o calzamaglie da tenere sopra il maglione sono sicuramente un valido aiuto contro il vento freddo;
  • per quanto riguarda i pantaloni esistono dei modelli in cerata, o delle vere e proprie salopette pensate per lo yachting, che consentono di avere una buona mobilità e di stare al caldo. Ovviamente è possibile anche tenere dei pantaloni veri e propri al di sotto di essi, ma non è consigliabile utilizzare dei classici jeans, meglio un tessuto più caldo;
  • come giacca si può facilmente ricorrere a delle giacche in cerata, utili soprattutto in caso di condizioni atmosferiche non eccellenti, ma si può comunque ricorrere anche a classici giubbotti pesanti;
  • per quanto riguarda le calzature non dimentichiamo delle buone scarpe tecniche con suola antiscivolo (se possibile è importante fare delle valutazioni simili, soprattutto per alcuni accessori che non devono mai mancare in barca. Ad esempio, quando ci si orienta nella scelta di una passerella nautica, sarebbe il caso di puntare proprio su modelli con camminamento antiscivolo, utili in caso di navigazione con pioggia);
  • sempre in caso di pioggia non dimentichiamo di avere un buon paio di stivali di ricambio, per rimanere sempre con i piedi asciutti!

Altri semplici consigli per vivere la vostra imbarcazione in inverno possono essere i seguenti:

  • un buon sacco a pelo è l’ideale se si vuole dormire in barca in inverno, non è il caso di avere con noi lenzuola per letti o piumoni;
  • un buon riscaldatore d’aria a gasolio consente di scaldare uniformemente la sottocoperta, consentendo di non soffrire il freddo;

per combattere l’umidità e la condensa esistono dei prodotti appositi in commercio assorbiumidità. Una cosa da evitare assolutamente, per non avere la sottocoperta invasa dall’umidità il giorno seguente, è quella di tenere indumenti usati, teli ed asciugamani bagnati senza che si siano prima asciugati perfettamente. In caso contrario si consiglia di tenerli in un ambiente chiuso, come un armadietto, in modo da finirli di asciugare in seguito.

Leggi anche

Princess Yachts annuncia il lancio online della serie The Princess Experience

Fabio Iacolare

Atene, 350 mln di euro di investimenti per il Porto del Pireo

Fabio Iacolare

Il Ministro dello Sviluppo Economico ha incontrato Confindustria Nautica

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.