Nautica Sport

Manuela V vince il Campionato Nazionale 5.50 Metri S.I. a San Benedetto

manuela v

Dopo 5 regate disputate nelle acque di San Benedetto del Tronto (AP), l’imbarcazione Manuela V (ITA-36) dell’armatore e timoniere milanese Guido Tommasi, si è aggiudicata il Campionato Nazionale Classe 5.50 Metri S.I. (Stazza Internazionale), organizzato dal 15 al 18 settembre 2022 dal Circolo Nautico Sambenedettese.

Ecco chi è sul podio insieme a Manuela V

Manuela V, scafo lungo 9,49 metri, è stata varata nel 1961 dal cantiere Velscaf di Rapallo del Comandante Dario Salata su progetto dell’americano C. Raymond Hunt, già inventore nel 1957 della famosa carena che porta il suo nome. La barca, con a bordo il bresciano Filippo Togni e il prodiere veneziano Matteo Barison, si è aggiudicata quattro primi posti e un secondo piazzamento.




Seconda classificata al Campionato Nazionale 5.50 S.I. è stata Volpina (ITA-33), un Baglietto del 1960 disegnato da Giulio Cesare Carcano, lo storico progettista della Moto Guzzi. A bordo l’armatore romano Fabrizio Cavazza, presidente italiano della Classe 5.50 in rappresentanza del Nauticlub Moniga del lago di Garda, con Simone Dondelli e Giovanni Bonzio come equipaggio. Terza classificata Violetta IV (ITA-21), dal 2011 dell’armatore veneziano Giangiacomo Stefanon, con Marco Baldi al timone e Vania Ventrice a prua. La barca, costruita dal cantiere ligure Baglietto di Varazze su progetto di Pietro Baglietto, è stata varata nel 1957 e a San Benedetto del Tronto issava il guidone del Circolo Velico Conegliano, in provincia di Treviso.

Venerdì 16 settembre è stato possibile completare una sola regata, su percorso a bastone di circa 2 miglia, da ripetere due volte, con vento da nord est di intensità non superiore a 7 nodi circa, poi la prevista seconda prova di giornata è stata annullata per mancanza di vento. Nella giornata di sabato, prima che una violenta perturbazione da nord con venti a oltre 35 nodi investisse San Benedetto del Tronto, è stato possibile svolgere una seconda regata con venti da nord di intensità 7-8 nodi, anch’esso su un campo di regata di 2 miglia.

LEGGI ANCHE: Conclusa la 21ma Rolex Swan Cup, ecco tutti i vincitori

Purtroppo, in fase di partenza, uno scontro tra le imbarcazioni Kukururu del 1952 e Twins IX Enterprise del 1958, fortunatamente senza conseguenze per gli equipaggi, ha provocato danni a entrambe le barche causandone il ritiro dal Campionato. Le sfide più appassionanti si sono svolte nella giornata conclusiva di domenica, momento in cui è stato possibile disputare tre prove, con venti a 8-10 nodi di intensità da sud est.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

World Superyacht Awards 2022, doppio premio per Mangust Yachts

Claudio Soffici

Il Circolo Velico Sferracavallo alla XVI edizione della Palermo-Montecarlo

Redazione Sport

Al via la Allianz Regatta, 8 classi olimpiche in acqua in vista di Tokyo

Redazione Sport

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.