Località di mare

Grande successo per la II edizione del Festival del Cinema di Castel Volturno

Si è conclusa ieri , con una serata di gala svolasti all’Imat, Italian Maritime Academy Technologies, la seconda edizione del Festival del Cinema di Castel Volturno.

L’IMAT- ha dichiarato Fabrizio Monticelli, Amministratore Unico dell’Istituto– ha sposato questo progetto dalla prima edizione; quando gli organizzatori ce ne hanno parlato, abbiamo subito intuito che potesse essere un’idea estremamente interessante per la valorizzazione del territorio. Non a caso anche il nostro progetto è basato sulla responsabilità sociale d’impresa che tende a valorizzare i contenuti migliori del territorio”.

La kermesse, presentata dalla speaker Fabiana Sera, si è aperta con la proiezione di un video in ricordo all’attore Carlo Croccolo, recentemente scomparso, corredato di interviste di colleghi e amici e di spezzoni di suoi storici film che ha suscitato la commozione di tutti i presenti.

In onore del Maestro, che lo scorso anno fu direttore artistico del Festival insieme alla moglie Daniela Cenciotti, è stato anche istituito un premio speciale consegnato ad un giovane talento che, secondo il pensiero di Croccolo, maggiormente incarna l’idea di artista a tutto tondo.

Il premio è stato assegnato alla cantattrice Viviana Cangiano, giovane talento partenopeo conosciuta, tra le altre cose, per aver preso parte all’ultimo film di Mario Martone “Il Sindaco del Rione Sanità” e per aver formato, insieme alla collega Serena Pisa, il fortunato duo “Ebbanesis” con cui porta in giro per il mondo una rivisitazione delle canzoni della tradizione napoletana. A consegnarglielo è stata la direttrice artistica Daniela Cenciotti in Croccolo che ha dichiarato: “Abbiamo scelto di dare questo riconoscimento a Viviana perché è una ragazza dai più talenti che si esprimono tanto su di un palcoscenico quanto dietro una macchina da presa. Siamo molto felici che questo primo premio dedicato a Carlo Croccolo lo riceva lei convinti che incarni perfettamente lo spirito artistico di Carlo e con l’augurio di una lunga, e sempre più florida, carriera”.

Le premiazioni sono state intervallate da momenti musicali in cui si si sono esibiti la cantrattrice Patrizia Spinosi e il musicista Michele Bonè.

Sono stati premiati inoltre:

-Miglior lungometraggio “The Uncle” di Hiyoung-Yin Kim;

-Miglior fotografia a Francesco Morra per “Uocchie c’arraggiunate” di Paolo Cipolletta;

-Miglior sceneggiatura ad Alfredo Mazzara e Matteo Festa per “Ragù noir” di Alfredo Mazzara;

-Miglior attore a Stefano Fresi per “Nina”;

-Miglior attrice a Svetalana Bukhtoyarova per “Because a little apple” di Ksenia Roganova;

-Miglior cortometraggio Giuria Young a “Uocchie c’arraggiunate” di Paolo Cipolletta;

-Miglior cortometraggio Giuria di qualità a “Nina” di Sabina Pariante;

-Miglior regia a Behzad Khodaveci Motlagh per “Cellmate” di Behzad Khodaveci Motlagh, ritira Behzad Khodaveci Motlagh, premia il Capitano Rosario Trapanese oppure Fabrizio Monticelli, amministratore Imat, ITALIAN MARITIME ACCADEMY TECNOLOGIES.

Consegnare il premio a questo famoso regista Iraniano – hanno spiegato le organizzatrici Paola Esposito e Manuela De Marco- sottolinea ancora di più il respiro internazionale di Festival su cui abbiamo puntato fin dall’inizio. Castel Volturno –proseguono – è una location splendida in cui convivono persone e culture diverse e proprio per questo è ancora più interessante poter organizzare una kermesse cinematografica in una realtà così. Quest’anno ci sono giunte più di tremila opere da tutto il mondo; purtroppo abbiamo potuto selezionarne solo alcune ma speriamo in futuro di poter continuare su questa scia e dare ancora più internazionalità a questa manifestazione.

Verso la conclusione della serata, i giovani allievi dell’ISIS di Castel Volturno, che si sono occupati dell’allestimento della mostra incentrata su Carlo Croccolo, a sorpresa hanno consegnato un premio, realizzato nel loro laboratorio di oreficeria, a Daniela Cenciotti per ringraziarla della grande opportunità ricevuta. “Tutti – dichiara Daniela Cenciotti- dicono che qui c’è droga, miseria e criminalità: eppure noi, grazie a questi splendidi ragazzi, abbiamo dato a questo territorio un’opportunità di riscatto e un’immagine molto diversa da quella troppo spesso accumunata a Castel Volturno”.

La serata si è conclusa con un arrivederci da parte delle organizzatrici che hanno dato appuntamento all’anno prossimo per condividere una nuova ricca edizione di questo Festival(internazionale) del Cinema di Castel Volturno. “Quest’anno – ha spiegato l’organizzatrice Paola Esposito – è andata benissimo, il Festival ha avuto 3.000 cortometraggi inviati in piattaforma e abbiamo avuto appoggi molto importanti come quello dell’IMAT che ci ha ospitato, ma anche quello del CAAN e l’ASI di Caserta. Siamo convinti che stiamo lavorando bene e andando per la direzione giusta. Diamo appuntamento a tutti al prossimo anno per una nuova ricca edizione del Festival del Cinema di Castel Volturno”.

Leggi anche

Halloween a Sanremo: “A Buca Cena con gli zombi”

Fabio Iacolare

Il “Festival internazionale ai parchi di Nervi” vince il Premio Festivalmare 2019

Fabio Iacolare

Da uno studio le sabbie dei fondali di Panarea sono simili a quelle di Marte

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.