Nautica Sport

L’IMOCA di Giancarlo Pedote torna in cantiere dopo la Rotta del Rhum

imoca rotta del rhum

Giancarlo Pedote torna a casa dopo un’impegnativa Rotta del Rhum, che l’ha visto in lotta con gli altri skipper e con alcuni problemi a bordo del suo IMOCA.

Prysmian Group e Giancarlo Pedote hanno fatto ritorno dalla Guadalupa, con l’imbarcazione che si trova accanto al cantiere Gepeto, dove verrà accolta a breve.




Il ritorno dell’IMOCA dopo la Rotta del Rhum

“A 48 ore dall’arrivo dal trasferimento dalla Guadalupa, abbiamo provveduto a disarmare la barca per metterla in cantiere”, ha spiegato lo skipper fiorentino. “Quindi si procede a smontare tutta una serie di pezzi, dopodiché si toglie l’albero, che abbiamo già portato in cantiere. A questo punto provvediamo a togliere la chiglia e, una volta che sarà tolta, appoggeremo l’imbarcazione su un altro invaso e sarà trasportata con il camion all’interno del cantiere. Dopodiché seguirà anche la chiglia e inizieremo il nostro cantiere invernale”.

Sono circa 4800 miglia percorse in 18 giorni da Point-a-Pitre in Guadalupe a Lorient, tra bonacce, caldo afoso e un’ultima notte davvero difficile, caratterizzata da 30 nodi di vento che facevano saltare la barca senza sosta. “Ho ripotato la barca a casa in perfette condizioni. Non mi rendo ancora conto di essere a terra”.

LEGGI ANCHE: Sunreef 43M Eco, il superyacht green a zero emissioni

Lo skipper fiorentino è arrivato stanco e provato al termine dei 13 giorni, 16 ore, 32 minuti e 50 secondi di navigazione, in una Route du Rhum ricca di imprevisti: dalla partenza posticipata a causa del maltempo fino alla rottura della vela J2 durante la prima settimana di regata che ha compromesso il viaggio: non soddisfatto per il risultato, quello si, ma consapevole di aver portato a termine l’ennesima impresa.

Pedote e il suo team sono così al lavoro sull’imbarcazione, per prepararla al fitto programma 2023 ricco di nuove avventure.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Invernale Riva di Traiano: la prima a Tevere Remo, Soul Seeker e Sir Biss

Redazione Sport

Alinghi vince la GC32 Riva Cup sul filo di lana

Fabio Iacolare

A Mondello i Mondiali di Windsurf: attesi 400 atleti da 24 nazioni

Claudio Soffici

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.