Nautica Sport

Soldini incontra Sea Shepherd: “Lavoro pazzesco per difendere i mari”

SOLDINI Sea Shepherd

Giovanni Soldini e il suo equipaggio, al momento in viaggio a bordo di Maserati Multi 70 verso Malta per partecipare alla Rolex Middle Sea Race, hanno incontrato stamattina tra Stromboli e Messina i volontari di Sea Shepherd, l’ong la cui missione è quella di fermare la distruzione dell’habitat naturale e il massacro delle specie selvatiche negli oceani per conservare e proteggere l’ecosistema e le differenti specie.

Soldini elogia Sea Shepherd: “Il mare va rispettato”

“Stanno facendo un lavoro pazzesco nei nostri mari per cercare di difenderli dall’assurda noncuranza di chi vuole solo depredarne le risorse a qualsiasi costo – dice Soldini-. Ci sono chilometri di cavi in plastica che vengono abbandonati in mare: è ora di capire che il mare va rispettato, non è una risorsa infinita ed è fondamentale per la sopravvivenza dell’uomo su questo pianeta. È sempre bello vedere che si può fare qualcosa e che c’è qualcuno che non smette mai di lottare per fare inversione di marcia”.




Soldini è salito a bordo di una delle navi della ong: “Siamo felici di aver ricevuto a bordo la visita di Giovanni Soldini proprio mentre iniziavamo a rimuovere una di queste attrezzature illegali dal nostro amato Mare Mediterraneo – dice Andrea Morello, presidente di Sea Shepherd Italia-, il più sovrasfruttato al mondo e quindi il più in pericolo. Sempre più vele, prue e volontari dovranno solcare il Mare in sua difesa perché se muore il Mediterraneo moriremo anche noi”.

LEGGI ANCHE: Maserati Multi 70 e Giovanni Soldini verso Malta per la 42a Rolex Middle Sea Race

I volontari di Sea Shepherd Italia sono impegnati nelle acque intorno alle Isole Eolie nell’Operazione Siso, che ha l’obiettivo di combattere le attività di pesca illegale e liberare il Mediterraneo da più plastica possibile. In particolare l’organizzazione sta recuperando reti spadare e Fad (Fishing Aggregative Devices) illegali: metodi di pesca formati da un filo di propilene che tiene a galla delle larghe foglie, sotto alle quali si raduna una gran quantità di pesci che viene pescata indiscriminatamente. I Fad provocano danni enormi all’ecosistema marino, catturando e uccidendo anche tartarughe, delfini, capodogli, balenottere e squali.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Sistema Portuale Mare Adriatico Centrale, un indotto di oltre 9mila persone

Fabio Iacolare

Azimut Yachts presenta la nuova ammiraglia: il Grande Trideck

Davide Gambardella

Classe RS21, nasce il Manifesto della Sostenibilità nella vela

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.