Località di mare News dal mare

Avvistatore di balene, al via a Savona il corso di formazione

corso per avvistatore di balene

Se alla domanda “cosa vuoi fare da grande” vostro figlio risponde “l’avvistatore di balene”, non sta propriamente sognando. Da qualche giorno, infatti, è iniziato a Savona il corso organizzato dalla Fondazione Cima, promosso da Regione Liguria con finanziamenti del fondo sociale europeo.

Obiettivo: proprio per la formazione della figura professionale dell’Accompagnatore di Turismo Marino che avrà tra le sue competenze proprio quelle di avvistatore di balene.

Come si forma e chi è l’avvistatore di balene

Il corso è attualmente seguito da 15 studenti, tutti under 30, per lo più biologi o dottori in scienze ambientali. La formazione prevede 140 ore di lezioni pratiche e teoriche e 60 ore di stage. A insegnare ci sono ricercatori della Fondazione Cima, professori dell’Università di Genova ed esperti del mondo del lavoro. Il corso non ha solo finalità “turistiche”, ma vuole unire scienza ed ecologia, un modo per creare delle figure professionali che fanno del whale watching un’attività consapevole e sostenibile.




I 15 studenti saranno inoltre formati su tematiche come la gestione delle dinamiche di gruppo e sulle strategie di comunicazione da adottare, oltre che sulle tecniche di avvistamento della biodiversità marina e costiera.

LEGGI ANCHE: Balenottera azzurra: l’animale più grande del mondo vive nel mare

Il turismo marino sta avendo in Liguria un’enorme crescita negli ultimi anni e la figura dell’avvistatore di balene è sempre più ricercata. Parallelamente sta aumentando la consapevolezza della necessaria sostenibilità di queste attività, in quanto si lavora in un ambiente marino delicato e che va tutelato. Non a caso negli ultimi anni ha preso molto piede la diffusione del marchio High Quality Whale-watching©, una certificazione di qualità sulle attività di avvistamento delle balene. La location scelta per il corso, ovvero Savona, non potrebbe inoltre essere migliore. Tra Liguria, Corsica e Provenza c’è il noto “Santuario dei cetacei”, un’area che in estate arriva a contare anche un migliaio di balene.

Leggi anche

Coronavirus, Lazio: ok alla manutenzione di chioschi e spiagge

Fabio Iacolare

Rincari da Coronavirus: quest’anno al mare si spende fino al 30% in più

Fabio Iacolare

Maremoti, Mediterraneo: online il sito del Centro Allerta Tsunami dell’INGV

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.