Località di mare Nautica

Multe salate e sequestri di barchini: a Venezia diportisti infuriati

VENEZIA DIPORTISTI

A Venezia i diportisti sono sul piede di guerra per il pugno duro contro i proprietari dei natanti, alla ripresa della stagione estiva e dopo due mesi di lockdown per l’emergenza Covid-19. Sequestri di barche ai posti di blocco e raffica di multe per migliaia di euro inflitti nei confronti di chi possiede dei motori fuoribordo dei barchini, anche di pochi kilowatt superiori alla cilindrata consentita, e per i limiti di velocità.

È rivolta tra gli operatori della nautica, alcuni dei quali stanati per la potenza superiore a quella dichiarata: il pugno duro della Capitaneria di Porto preoccupa Gianfranco Vianello Crea, presidente del Consorzio cantieristica minore alla Giudecca. “La gente ha paura – commenta a La Nuova Venezia – Noi diciamo giusto far rispettare le regole e i limiti di velocità, ma non si può fare di ogni erba un fascio. Rischiamo di mettere in crisi un intero comparto”.

A Venezia diportisti infuriati: multe che sfiorano i 3mila euro

Il caso di un giovane multato per 2800 euro perché il motore del suo natante risultava leggermente superiore alla cilindrata, è uno degli esempi che vengono evidenziati da chi oggi chiede “gradualità” nelle operazioni.  Ma anche la velocità dei diportisti – si legge nell’articolo – è finita nel mirino di un’ordinanza della Capitaneria che prevede l’obbligo dell’Ais (una sorta di Gps) per le imbarcazioni del trasporto passeggeri sotto le 150 tonnellate.

Anche se il Comune precisa che “le barche da diporto sono escluse” dal dispositivo, i limiti di velocità con i chilometri orari sono sostituiti dall’obbligo di “non planare e di non produrre onde a poppa e baffi d’acqua a prua”. Una incongruenza, secondo i diportisti, che annunciano proteste e manifestazioni. “In laguna la barchetta che plana può fare meno onde di quella che viaggia con la prua alta”, dicono, “qui non si può più girare in barca nella nostra laguna”.

LEGGI ANCHE: Venezia riparte dal Palazzo Ducale, riaprono al pubblico i Musei Civici

Da qui l’appello a una sola voce delle due Confartigianato provinciali: “Dovesse esserci un avanzo delle risorse già stanziate chiediamo alla Regione di destinarne una parte alle imprese della nautica da diporto viceversa di cercare nelle pieghe del bilancio nuovi fondi per tamponare le perdite che ci sono state anche in questo settore – afferma il segretario di Confartigianato-Imprese Gorizia, Marco Gobbo – a maggior ragione considerato che alle marine il contributo è stato concesso”.

Leggi anche

Tornano dopo 4 anni gli esami per la patente nautica alla Motorizzazione civile di Napoli

Fabio Iacolare

La Grotta della Pillirina a Siracusa, fra mare e leggenda

Fabio Iacolare

Collegamenti marittimi tra Tartus e Sebastopoli, incontro tra delegazioni russe e siriane

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.