Località di mare

Montesilvano, in spiaggia con l’app per il distanziamento

Montesilvano, in spiaggia con l'app per il distanziamento

Montesilvano, in spiaggia con l’app per il distanziamento, e soprattutto un supporto fiscale e tributario per i balneatori, e per la gestione dei flussi in spiaggia una app in grado di definire il limite di capienza e regolamentare la presenza delle persone.

Il Comune di Montesilvano pensa alla stagione estiva e cerca soluzioni per dare risposte a balneatori e bagnanti. Queste le attività principali su cui l’amministrazione ha intenzione di concentrarsi e concertate oggi in un incontro che il sindaco Ottavio De Martinis ha avuto, virtualmente, con Confesercenti, Associazione Alberghiamo, Ca, Sib Confcommercio, Federalberghi e Confindustria cui hanno partecipato anche gli assessori Paolo Cilli e Anthony Aliano e il consigliere comunale Adriano Tocco.

Attenzione alle spiagge libere

Una app, quella immaginata, con cui si cercherà di dare una risposta anche ad uno dei problemi su cui, ha annunciato oggi l’assessore regionale al Turismo Mauro Febbo, si sta ragionando: quello delle spiagge libere.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Meta di Sorrento, ai tempi del Covid l’inaugurazione diventa social

Tutte le informazioni necessarie su queste e gli stabilimenti saranno quindi disponibili sullo smartphone grazie all’applicazione che, ha spiegato Aliano gestirà le fasce orarie in cui sarà possibile accedere in spiaggia.

L’utente potrà quindi scegliere la data, gli orari e la posizione, ma dovrà comunicare il numero persone che usufruiranno dell’ombrellone con in più la possibilità di scegliere il pranzo fornito dai vari ristoratori e stabilimenti del posto. Verranno abolite così le file. “Sarà una stagione dignitosa – dice Febbo – ma disciplinata negli accessi e la app potrà essere utile anche ad altre categorie”.

Leggi anche

Ferragosto experience al Labelon Beach Club sulla spiaggia Romana di Bacoli

Fabio Iacolare

Castello di Santa Severa, ultimo appuntamento con la mostra “ Mondi sovrapposti e stratificazioni”

Fabio Iacolare

Malaga, i 20 anni che hanno cambiato il volto della città

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.