Viaggi e stili di vita

Torna a Surriento: c’è anche Magalli per il Premio “Penisola Sorrentina”

Torna a Surriento: c’è anche Magalli per il Premio “Penisola Sorrentina”

Torna a Surriento, il conduttore televisivo Magalli tra i protagonisti del progetto per i 25 anni del Premio “Penisola Sorrentina”.

Anche Giancarlo Magalli ad ottobre prossimo sarà a Sorrento, in un anno così particolare e difficile per il turismo in Italia e in costiera: il noto conduttore tv sarà infatti tra gli ospiti del progetto speciale “Torna a Surriento” ideato da Mario Esposito, in occasione dei 25 anni del Premio “Penisola Sorrentina”, per il rilancio culturale della città del Tasso.
Sono orgoglioso e felice di avere annualmente una scusa per tornare a Sorrento. Anzi confesso che mi piacerebbe diventare cittadino onorario della Penisola Sorrentina. Mi colpisce in positivo il generoso orgoglio campanilistico, con tanti comuni a distanza ravvicinata; qui è Meta, qui è Piano, qui è Sorrento!”, esclama sorridendo Magalli.

Giancarlo Magalli per gli eventi del Premio “Penisola Sorrentina”

L’amore di Magalli per Sorrento si estende ad un apprezzamento profondo per tutta la regione: “Amo in genere la Campania, che ritengo la terra più fertile dal punto di vista culturale. Ha tutti gli indicatori di civiltà e bellezza: la poesia, la musica, la gastronomia. È un territorio cui dobbiamo dire grazie”, commenta il noto presentatore televisivo.
Del resto Magalli ha anche delle solide radici professionali che lo legano alla Campania, in cui venne a conoscere tre ragazzotti simpatici in veste di autore della trasmissione “No Stop”, una sorta di “talent” ante litteram.
“Quando scrissi “No stop” – ricorda – pensai ad una pedana di lancio per giovani talenti. Nel 1977 potei attingere ad un serbatoio enorme. Feci una selezione molto accurata e andai in Campania, dove mi avevano segnalato tre bravi ragazzi che si chiamavano “I Saraceni”, che io ribattezzai “La Smorfia”: Troisi, De Caro ed Arena. Presi poi dal nord i “Gatti di Vicolo Miracoli”, una new entry come Beruschi, che faceva il ragioniere alla Galbusera biscotti. Altri tempi per la tv”, conclude Magalli.

Leggi anche

Labelon, il nuovo Experience Beach Club sulla Spiaggia Romana di Bacoli apre le porte a tutti i futuri sposi

Fabio Iacolare

Viaggio tra “Profumi e Sapori del Culatello”

Fabio Iacolare

Accordo tra il Museo di Pietrarsa e il Parco Archeologico di Ercolano

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.