Località di mare

Torre del Lago, archiviato il Festival Puccini: a lavoro per l’edizione 2020

Torre del Lago, archiviato il Festival Puccini: a lavoro per l'edizione 2020

Torre del Lago, archiviato il Festival Puccini: una edizione caratterizzata dal ritorno sul palcoscenico di grandi interpreti della scena internazionale che ha guadagnato ampi consensi di pubblico e critica da Angela Gheorghiu, Maria Guleghina, José Cura,  Stefan Pop, Amarilli Nizza, He Hui.  Il prossimo evento venerdì 6 settembre:  Suor Angelica nella magica cornice del  Chiostro della Basilica di San Francesco di Assisi.

La rappresentazione di Tosca di sabato 24 agosto, con il bis di E lucevan le stelle chiesto a gran voce da un pubblico entusiasta al tenore spagnolo Alejandro Roy,  ha calato il sipario sull’edizione n° 65 del Festival Puccini. 

Calato il sipario sull’edizione n° 65 del Festival Puccini

Una stagione quella 2019 che partita dalla Tunisia con il Concerto nell’anfiteatro di El Jem è stata    ricca di eventi:   ai 6 titoli pucciniani La Fanciulla del West, Turandot, La Bohème, Tosca, Madama Butterfly, Le Villi  nelle 16 seraterealizzate nel Gran Teatro all’aperto ha affiancato numerose altre manifestazioni tra cui la rassegna di concerti nel Giardino di Paolina, il concerto Puccini Jazz  registrato da Sony che sarà distribuito da dicembre in cd con l’etichetta Sony Classicil Balletto e le due Mostre, Oblò e America Forever e numerose altre attività sul territorio nell’ambito della campagna “i luoghi del cuore” voluta dall’Amministrazione comunale.

Una stagione che si chiude con il segno positivo ed un incasso di 1.230.000 euro. Tre nuove produzioni tutte dirette dal Maestro Alberto Veronesi, di cui La Fanciulla del West realizzata nei laboratori della Cittadella del Carnevale, Madama Butterfly frutto di una coproduzione con il teatro dell’Opera di Liegi dove sarà in scena dal  prossimo 13 settembre;  Le Villi coprodotta con il Mupa di Budapest. Alle tre nuove produzioni si sono affiancati gli allestimenti di Turandot, Tosca e La Bohème. Anche quest’anno numeroso il pubblico giunto da tutto il mondo: 59 i Paesi di provenienza, con spettatori giunti dal Brasile, dall’Argentina, dalla Groenlandia, dalla Corea alla nuova Zelanda e all’India. Viaggi organizzati con gruppi giunti al Festival Puccini dall’Australia, da Taiwan,  da Israele e dagli Stati Uniti.

Anche nel 2019 tra i Paesi europei di maggiore provenienza, il primo posto è del Regno Unito, seguito da Germania, Austria e Francia. Turandot e La Bohème i titoli che hanno richiamato il maggior numero di spettatori, ma Tosca e Madama Butterfly si confermano titoli di grande richiamo per il pubblico del Festival Puccini. 

Una edizione che ha visto calcare il palcoscenico del gran teatro in riva al lago dagrandi interpreti pucciniani, stelle internazionali della lirica da Angela Gheorghiu, Josè Cura, Maria Guleghina, Stefan Pop, Amarilli Nizza, He Hui, Valeria Sepe, Bruno De SimoneAmadi Lagha  solo per citarne alcuni, affiancati da giovani artisti ormai lanciati nella carriera ma formati e scoperti grazie alle attività di formazione della Puccini Academy.

Torre del Lago, archiviato il Festival Puccini: a lavoro per l'edizione 2020

E mentre la Fondazione si appresta  a dare avvio ad una intensa  campagna di promozione dell’edizione 2020 il cui cartellone è già stato approvato dal Consiglio di amministrazione e promosso presso il pubblico del Festival appena concluso con una suggestiva collezione di cartoline  programma, a Torre del Lago si allestisce il prossimo evento che sarà la serata unica della rappresentazione in forma semiscenica di  Suor Angelica nella magica cornice del Chiostro della Basilica di San Francesco di Assisi.

LEGGI ANCHE: Viareggio, a Torre del Lago una tavola rotonda sullo spettacolo dal vivo 

Una serata nata nell’ambito della collaborazione tra la Città di Viareggio e il Sacro Convento di Assisi.  Suor Angelica vedrà sul podio dell’Orchestra del Festival Puccini il Maestro Alberto Veronesi e nel ruolo del titolo il soprano Donata D’Annunzio Lombardi che firma anche la mise en espace, con  Annunziata Vestri nel ruolo della zia Principessa, due grandi artiste molto apprezzate nella rappresentazione con cui nel  2018 il Festival Puccini ha celebrato il centenario de Il Trittico.  Appuntamento al 66° FESTIVAL PUCCINI dal 17 luglio al 23 agosto 2020

Leggi anche

Alla scoperta della Sardegna più bella

Fabio Iacolare

L’estate 2020 in Versilia, simbolo di libertà e rinascita

Fabio Iacolare

Christian De Sica vince il Premio Penisola Sorrentina per il Teatro

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.